Connettiti con

Cronaca

Reflui inquinanti e sversamenti illeciti, denunciato un frantoio di Biancavilla

Operazione della Polizia Provinciale: ricostruite le fasi di trattamento dei rifiuti ritenuti pericolosi

Pubblicato

il

L’amministratore di un frantoio di Biancavilla ed un socio sono stati denunciati per gestione, trasporto e smaltimento illecito di rifiuti. L’operazione, finalizzata alla repressione dei reati ambientali, è della Polizia Provinciale, coadiuvata dall’Eps (Ente Produttori Selvaggina).

I gestori dell’impianto di vecchia generazione utilizzavano il metodo di spremitura a freddo delle olive, effettuavano la miscelazione di acque di scarico di vario genere. Si tratta di acque reflue di vegetazione, altre derivanti dal trattamento di frantumazione e pressatura delle olive. E ancora: acque di lavaggio dei macchinari e sgrassatura della pavimentazione. Per la sgrassatura, utilizzate sostanze a base minerale che, non opportunamente separate e trattate, rendevano il refluo derivante dalla molitura non più idoneo per l’uso in agricoltura, poiché rifiuto pericoloso.

Per disfarsi di tali rifiuti, la ditta, attraverso un sistema a pompe, li caricava in una botte. Poi, secondo la Polizia Provinciale, li trasportava illecitamente in un punto di scarico. Punto che si trova in contrada San Giovanni, in prossimità del canale di scarico del depuratore comunale nel Vallone Sanfilippo. Qui il rifiuto liquido pericoloso veniva sversato al suolo e per ruscellamento raggiungeva il corso l’acqua.

Parte delle acque reflue di lavaggio macchinari e pavimentazione, anch’esso pericoloso, veniva sversato attraverso delle canalette di raccolta e un sistema di bypass all’interno della rete fognaria comunale, attraverso un tombino posto all’ingresso del frantoio.

Per tutti i rifiuti liquidi presenti (circa 6.500 litri contenuti sull’autobotte e 18 metri cubi nella vasca di raccolta), disposto dalla polizia giudiziaria l’invio a regolare smaltimento, per evitare problemi igienico sanitari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Controlli nelle campagne: denunce e sanzioni tra Biancavilla e Paternò

Carabinieri in azione: verifiche su 24 braccianti agricoli, elevate multe per migliaia di euro

Pubblicato

il

Controlli nelle campagne di Biancavilla e Paternò sul rispetto delle normative a tutela del lavoro. In campo i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile assieme al Nucleo Ispettorato del lavoro di Catania. A loro supporto pure i colleghi del Reggimento “Sicilia”. Il servizio ha consentito di effettuare verifiche ispettive in diverse aziende agricole.

Scattata una denunciata una donna 41enne di Biancavilla, titolare di una cooperativa. Dovrà rispondere di omessa sorveglianza sanitaria nei confronti dei dipendenti in quel momento sul posto. Per lei, una sanzione di 1.280 euro.

Negli snodi viari del circondario dislocate, inoltre, diverse pattuglie. Controllati 24 operai agricoli dediti in prevalenza alla raccolta agrumicola, nonché 53 persone e 21 veicoli in transito.

Effettuati, inoltre, vari controlli per il rispetto delle disposizioni anti-Covid. Fermato un furgoncino: i sei occupanti, tutti braccianti, sanzionati per mancanza del greenpass.

Il mezzo sottoposto a sequestro e a fermo amministrativo. Sanzionato il proprietario con 3750 euro per violazioni al Codice della strada. Al conducente ritirata la patente di guida.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili