Connettiti con

Pubblicato

il

Le immagini, duplicate in cassette vhs, erano già note agli appassionati di storia locale da oltre una ventina d’anni. Adesso, però, si possono vedere online, dopo essere state postate su Facebook.

Una panoramica del paese vista dal campanile della chiesa madre, parate in piazza Roma, l’omaggio al monumento dei Caduti in piazza Annunziata, corteo in via Umberto, le vedove di guerra, i fascisti in camicia nera…

Un eccezionale documento video (condiviso dall’utente Riccardo Origlio) che mostra -seppure in una qualità ridotta- alcuni momenti di vita pubblica cittadina della Biancavilla di epoca fascista. Le musiche e gli inni sono stati aggiunti adesso, non sono nel filmato originale.

Un video di alto valore documentaristico, che qui riproponiamo per l’interesse storico, non certamente per esaltare un regime che ha negato ogni libertà e trascinato l’Italia in un’immane tragedia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA  

Pubblicità
1 Commento

1 Commento

  1. Alfio Pelleriti

    16 Maggio 2020 at 17:16

    Che pena vedere invasa Biancavilla da schiere di uomini e di giovani inneggianti ad un uomo che aveva conquistato il potere con le violenze e gli assassinii delle squadracce fasciste e che poi avrebbe portato l’Italia alla vergognosa alleanza con la Germania nazista e nella tragica avventura della guerra. Che pena vedere le insegnanti col braccio alzato in testa alle scolaresche in omaggio al dittatore e le vedove di guerra che si prestano al triste spettacolo.
    Nutro qualche dubbio sull'”alto valore documentaristico” essendo un filmato utile alla propaganda di regime che sarebbe opportuno far passare con un commento critico piuttosto che con la colonna sonora dei canti che furono utili alla irreggimentazione della nazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Storie

Ucciso dal Covid l’avv. Bandieramonte, belpassese ma legatissimo a Biancavilla

Una persona stimata, la famiglia era originaria del nostro paese, dove aveva parenti, amici e colleghi

Pubblicato

il

È morto all’età di 62 anni, a causa dell’infezione di coronavirus, l’avv. Gaetano Bandieramonte, persona e professionista apprezzato. Residente da tempo a Belpasso, la sua famiglia era originaria di Biancavilla.

Anche nel nostro paese, tra parenti e colleghi, è stata nutrita la speranza che l’avv. Bandieramonte potesse guarire. Un appello era stato lanciato per la donazione di plasma iperimmune di pazienti già guariti dal Covid. Ma non è bastato.

La notizia del suo decesso, mentre era ricoverato in Terapia intensiva all’ospedale “San Marco”, ha suscitato dispiacere.

Il padre, il prof. Luigi Bandieramonte, viene ancora ricordato per essere stato insegnante di francese nella scuola media “Luigi Sturzo”. A Biancavilla c’è chi ricorda la famiglia Bandieramonte, che abitava nel quartiere dell’Annunziata. E soprattutto i momenti di svago passati in estate alle Vigne, in zona Vallone rosso, vicino il Piccolo seminario.   

Il Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Catania ha diffuso un messaggio di cordoglio: «Con infinita tristezza ricordiamo il caro Gaetano, un professionista serio e competente, e la sua bontà ed umanità. Un amico di tutti. Ci stringiamo al dolore dei suoi familiari e dei figli Simone, nostro collega, ed Erica, giovane praticante avvocato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili