Connettiti con

Pubblicato

il

La Strada Statale 284 “Occidentale Etnea” è stata provvisoriamente chiusa nel tratto di Biancavilla per lavori di manutenzione al cavalcavia sito al km 35,000. Il traffico è stato deviato per consentire lo svolgimento degli interventi.

«È stata portata a compimento –ha detto il sindaco Antonio Bonanno– una serie di interventi, già programmata nei giorni scorsi, necessaria a mettere in sicurezza i “sovrappassi” della Statale 284, ricadenti in territorio di Biancavilla. Criticità che erano state segnalati dal nostro Ufficio tecnico. Mi sono personalmente recato sul posto, assieme ai tecnici dell’Anas, ai Vigili del Fuoco, al nostro funzionario ingegnere Placido Mancari ed alla Polizia municipale. C’è una emergenza sanitaria alla quale fare fronte, ma le tante altre piccole urgenze quotidiane di certo non mancano».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Biancavilla in balìa dell’Acoset: acqua ridotta, disservizi in vari quartieri

L’azienda riduce di 6 litri al secondo la consueta erogazione, il sindaco Bonanno si rivolge al prefetto

Pubblicato

il

L’Acoset ha ridotto l’erogazione idrica a Biancavilla. Ciò sta creando disagi agli utenti che risiedono in particolare nel centro storico (non serviti dai pozzi comunali).

Il primo cittadino ha informato della situazione la Prefettura di Catania. «Pur comprendendo le difficoltà della società idrica, il sindaco Bonanno – informa una nota del Comune – ha chiesto all’Acoset di ripristinare il più presto possibile l’erogazione idrica nelle quantità necessarie al fabbisogno dei cittadini».

Secondo il Piano Regolatore delle Acque, l’Acoset è tenuta a fornire al Comune di Biancavilla (pur non facendo parte della società) 23 litri al secondo di acqua. Di solito, tuttavia, l’erogazione è stata garantita per 27-28 l/s, un quantitativo che (unito a quello dei pozzi del Comune) riesce a coprire il fabbisogno. Adesso, però, per carenza idrica ed esigenze aziendali, a Biancavilla vengono forniti 21 litri al secondo. Un quantitativo insufficiente, che è causa dei disservizi presenti in diversi quartieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti