Connect with us

Chiesa

Da Biancavilla in Abruzzo con la devozione rivolta a San Placido

Pubblicato

il

Biancavilla e Torrebruna, accomunati dallo stesso patrono, il martire benedettino. Per queste ragioni, una delegazione del Circolo “San Placido” di Biancavilla, guidata dal presidente Placido Lavenia, si è recata nel piccolo centro in provincia di Chieti, in Abruzzo, per partecipare alla dedicazione della chiesa “Trasfigurazione del Signore” e dell’altare.

Assieme al gruppo di biancavillesi, anche una delegazione di Messina (altra città con patrono San Placido), guidata da commissario dell’Arciconfraternita “Compagnia di San Placido”, Marco Grassi.

I devoti siciliani hanno portato con loro una lettera dell’arcivescovo di Messina, mons. Giovanni Accolla, e le reliquie del santo, con la benedizione di mons. Angelo Oteri (rettore della chiesa dedicata al martire).

Dopo un passaggio da Poggio Imperiale (nel Foggiano), dove si sono uniti ad un’altra confraternita intitolata a San Placido, la direzione è stata per Torrebruna. Qui momenti di preghiera, comunione, l’incontro con mons. Claudio Palumbo, vescovo di Trivento. Quindi la processione delle reliquie di San Placido e del simulacro del patrono in un clima di festa per l’intero paese, all’interno del quale la piccola cittadina si riappropria di una propria chiesa, chiusa da oltre cinque anni per interventi di consolidamento.

Le iniziative che hanno coinvolto i devoti biancavillesi potrebbero essere l’inizio di un rapporto più strutturato, senza escludere la possibilità di formalizzare con Biancavilla un vero e proprio gemellaggio nel nome di San Placido.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiesa

Gruppo di fedeli di Biancavilla salutato da Papa Francesco in piazza San Pietro

Pubblicato

il

Oltre 30 biancavillesi del Cammino neocatecumenale che fa riferimento alla parrocchia di “San Salvatore” (e un giovane dell’Idria) sono stati in pellegrinaggio a Roma.

Per loro è arrivato anche il saluto di Papa Francesco, a conclusione dell’Angelus, quando il pontefice cita tutit i gruppi presenti in piazza San Pietro.

Nel gruppo di Biancavilla c’è anche padre Salvatore Verzì. Il pellegrinaggio continuerà con altre tappe, prima di fare ritorno in paese con i ricordi di questa esperienza vissuta e l’emozione di quelle parole del Papa: «Saluto i fedeli “de” Biancavilla».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere...

Chiesa

Franca Papotto rieletta rappresentante di vicariato dell’Azione Cattolica

Nella parrocchia dell’Idria assemblea alla presenza del presidente diocesano Tony Bonaventura

Pubblicato

il

Franca Papotto è stata eletta, per il secondo mandato consecutivo, rappresentante di vicariato Biancavilla – Santa Maria di Licodia dell’Azione Cattolica. L’incarico avrà durata triennale. 

È quanto deciso dall’assemblea elettiva, che si è tenuta nella casa parrocchiale dell’Idria di Biancavilla, alla presenza del presidente diocesano di Ac, Tony Bonaventura. 

Hanno preso parte i delegati eletti lo scorso novembre assieme ai rispettivi presidenti parrocchiali, ovvero Maria Portale (chiesa madre), Giusi Fisichella (Annunziata), Rosetta Viro (Sacro Cuore) ed Enza Leocata (Santissimo Salvatore).  Una rappresentanza tutta al femminile, ulteriormente confermata dalla rielezione di Franca Papotto nell’incarico del vicariatoo.

Un momento di spiritualità è stato curato dal vicario foraneo, nonché parroco dell’Idria, don Giovambattista Zappalà. 

Il ruolo del rappresentante di vicariato ha una particolare importante perché rappresenta di diritto, all’interno del consiglio diocesano di Azione Cattolica, le quattro associazioni di Biancavilla e mantiene i rapporti con il centro diocesano. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA 

Continua a leggere...
Advertisement

Nero su Bianco Edizioni

UNA VITA ANCORA PIU' BELLA Memorie di un sopravvissuto. Lettere e riflessioni inedite di Gerardo Sangiorgio, il biancavillese deportato nei lager nazisti per avere detto "no" alla Repubblica di Salò. La sua è la vicenda di un "Internato Militare Italiano" raccontata nel nuovo libro di "Nero su Bianco", curato da Salvatore Borzì con prefazione di Francesco Benigno e contributi di Liliana Segre, Massimo Cacciari, Luciano Canfora ed altri esponenti della cultura italiana.

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili.