Connettiti con

Chiesa

Ottobre missionario in zona “Idria”: fedeli in preghiera attorno ad un falò

Pubblicato

il

Ottobre missionario straordinario, indetto da Papa Francesco, in occasione del centenario della lettera enciclica di Papa Benedetto XV “Maximum illud” sull’importanza delle missioni. Mese vissuto intensamente dalla comunità parrocchiale “Santa Maria dell’Idria” di Biancavilla, dallo scorso 30 giugno guidata dal parroco don Giovambattista Zappalà.

Per questa iniziativa, la comunità dell’Idria porta il Vangelo, tra canti e momenti di gioia, nei quartieri del territorio parrocchiale il mercoledì e venerdì sera, mentre la domenica alle 11.00 si celebra la messa. Il Vangelo, dunque, portato veramente nelle strade e nelle periferie: un’occasione, questa, anche per il nuovo parroco per conoscere il vasto territorio della parrocchia e i suoi fedeli, anziani, ammalati e famiglie.

«Papa Francesco –spiega don Zappalà a Biancavilla Oggi– vuole rilanciare le missioni, sottolineando che ogni fedele è chiamato ad essere missionario di Cristo. Tre volte a settimana ci rechiamo nelle zone periferiche della parrocchia per portare quella gioia che viene da Gesù, il mercoledì e il venerdì attorno ad un falò, la domenica con la Santa Messa. Ancora ho presieduto due incontri, però devo affermare che c’è tanta partecipazione e tanta gioia».

«In queste missioni stiamo imparando che tutti noi cristiani –sottolinea il parroco– siamo pietre vive della Chiesa e la parrocchia è famiglia di famiglie; casa, perché dobbiamo sentirla nostra, e scuola, perché dobbiamo sempre più conoscere Cristo e crescere anche nel perdono e nella sopportazione».

La “missione ottobrina” è organizzata e portata avanti, insieme al parroco, dal Cammino neocatecumenale e dalla Confraternita “Santa Maria dell’Idria e del Crocifisso Risorto”, realtà molto attive in parrocchia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiesa

Addio a fra Salvatore Barbagallo: fu docente di liturgia all’Antonianum

Aveva 67 anni: originario di Biancavilla, si era dedicato per tutta la vita al mondo accademico

Pubblicato

il

È morto all’età di 67 anni fra Salvatore Barbagallo della Provincia dei Frati Minori di Sicilia. Originario di Biancavilla, era stato docente di Liturgia prella la Facoltà teologica della Pontificia Università Antonianum di Roma.

Nato il 26 giugno 1956, nel 1992 ha conseguito il Dottorato in Liturgia presso il Pontificio Ateneo Sant’Anselmo. È stato preside dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose “Redemptor Hominis” e professore di Liturgia presso il Pontificio Istituto di Musica Sacra.

Autore di saggi, libri e articoli, nel 1996 aveva pubblicato “Iconografia liturgica del Pantokrator”, per i tipi delle Edizioni Pontificium Athenaeum Anselmianum.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti