20052019GOODNEWS:

Un Pd tra riscossa e… stranezze, Biancavilla dà il 60% a Zingaretti

di Vittorio Fiorenza

Il punto di partenza, per il Pd di Biancavilla, è il dato elettorale delle ultime Amministrativa: un misero 2% (a cui aggiungere, ovviamente, i voti delle liste civiche rappresentative della diaspora Dem). Un tonfo mai così basso nella storia della Sinistra biancavillese con una vistosa assenza in Consiglio Comunale di un pur minoritaria identità “progressista”. Macerie.

Ma questa è storia passata. Certo, archiviata in fretta e furia, senza nessuna analisi, nessuna autocritica, nessun responsabile.

La cronaca di oggi (non a caso con gli stessi personaggi di ieri) è quella delle Primarie del Partito democratico per la scelta del segretario nazionale. A Biancavilla, dove il seggio è stato presieduto da Vincenzo Cantarella (affiancato da Giuseppe Furnari e Giuseppe Santangelo) i votanti sono stati 545 (di questi oltre il 60% è rappresentato da “esterni”, cioè non tesserati).

Nicola Zingaretti ha sfiorato il 60% con 318 preferenze, seguito da Maurizio Martina (209 voti, cioè il 38,92%) e Roberto Giachetti (10 voti, ovvero 1,86%).

Una nota di curiosità: il più giovane dei votanti a Biancavilla è stato un 17enne, mentre il più anziano è stato un 96enne, che ha lasciato un contributo di 10 euro anziché i 2 euro richiesti.

Questione politica da risolvere è quella (non nuova) del Pd “double face”. A partecipare a queste Primarie, infatti, pure personaggi che in campagna elettorale hanno apertamente sostenuto il candidato sindaco Antonio Bonanno e che fanno riferimento a consiglieri di maggioranza o che addirittura hanno espresso assessori. Stranezze di un Pd… di lotta e di governo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

INVIA IL COMMENTO