Connettiti con

Politica

Depuratore, Forza Italia interviene: «Spesi tanti soldi, problema irrisolto»

Pubblicato

il

pioggia-danni-depuratore

«Vogliamo un’operazione verità». Presa di posizione del gruppo consiliare di Forza Italia di Biancavilla sul depuratore e sul progetto della Giunta Glorioso di ampliamento della struttura, che richiede 450mila euro.

«Su questa vicenda –scrivono in un comunicato i consiglieri Vincenzo Amato, Dino Caporlingua e Salvatore Bonaccorsi– è bene fare chiarezza e per farlo bisogna partire dalla storia. Negli ultimi dieci anni sono stati effettuati decine e decine di interventi, con una spesa di circa mezzo milione di euro».

«Oltre al danno economico, subìto dai cittadini per lo spreco di denaro pubblico, la beffa causata delle continue dichiarazioni dell’amministrazione Glorioso che, ad ogni intervento sul depuratore, rassicurava la città che il problema sarebbe stato risolto. Come tutti sappiamo non è così», viene sottolineato.

«A distanza di diversi anni –specifica Forza Italia– ci ritroviamo ad un ulteriore spesa di 450mila euro che, scusateci visto i precedenti, desta molti dubbi e perplessità. La questione depuratore per noi rappresenta l’ennesimo esempio di un’incapacità amministrativa del sindaco che in tutti questi anni ha sperperato inutilmente centinaia di mila euro senza alcun risultato concreto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Biancavilla in balìa dell’Acoset: acqua ridotta, disservizi in vari quartieri

L’azienda riduce di 6 litri al secondo la consueta erogazione, il sindaco Bonanno si rivolge al prefetto

Pubblicato

il

L’Acoset ha ridotto l’erogazione idrica a Biancavilla. Ciò sta creando disagi agli utenti che risiedono in particolare nel centro storico (non serviti dai pozzi comunali).

Il primo cittadino ha informato della situazione la Prefettura di Catania. «Pur comprendendo le difficoltà della società idrica, il sindaco Bonanno – informa una nota del Comune – ha chiesto all’Acoset di ripristinare il più presto possibile l’erogazione idrica nelle quantità necessarie al fabbisogno dei cittadini».

Secondo il Piano Regolatore delle Acque, l’Acoset è tenuta a fornire al Comune di Biancavilla (pur non facendo parte della società) 23 litri al secondo di acqua. Di solito, tuttavia, l’erogazione è stata garantita per 27-28 l/s, un quantitativo che (unito a quello dei pozzi del Comune) riesce a coprire il fabbisogno. Adesso, però, per carenza idrica ed esigenze aziendali, a Biancavilla vengono forniti 21 litri al secondo. Un quantitativo insufficiente, che è causa dei disservizi presenti in diversi quartieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti