Connettiti con

Detto tra blog

Il Comune pasticcione chiede ai cittadini tributi… già pagati

Pubblicato

il

banner-detto-tra-blog

di GIANFRANCO GALVAGNO

Desidero evidenziare una vicenda che, al di là delle discussioni in piazza o nei circoli o nei bar, ho l’impressione sia passata in modo poco responsabile e non le si è data la giusta importanza sociale da parte della comunità biancavillese; forse per quella che io definisco una “rassegnazione stagnante” che ormai regna a Biancavilla nei confronti di chi amministra la cosa pubblica.

Dal Comune sono state spedite migliaia, ma non conosco l’esatto numero (chi parla addirittura di 3-4-5mila), di raccomandate per tributi degli ultimi anni, che risultavano non riscossi e quindi si chiedeva al cittadino di saldare. Oltre che con alcuni miei parenti ho avuto modo di parlare con una trentina di persone e tutti (ripeto tutti), dopo il primo naturale dubbio si sono messi alla ricerca delle ricevute di pagamento e si sono recati negli uffici per dimostrare che era tutto regolare e gli impiegati ne hanno preso atto adducendo varie motivazioni del “perché” si era attivata questa procedura.

Naturalmente sto riportando quanto sentito e seppur trenta-quaranta persone non siano un campione rappresentativo ne deduco che la maggior parte delle raccomandate ha avuto esito negativo per le casse del Comune.

Mi sono fatto un’idea precisa di ciò e se fosse vero, la ritengo una cosa gravissima, irresponsabile e al limite della legalità amministrativa:

1) Il costo di una raccomandata credo sia di 5 € ed è facilmente intuibile la somma complessiva spesa

2) La gestione di questa procedura la ritengo di una superficialità e di una incompetenza disarmante da parte degli uffici che dovrebbero esprimere efficienza e collaborazione nei confronti dei cittadini che, è bene ricordarlo senza alone di populismo, sono i loro datori di lavoro.

3) Non so se quelle somme attese siano state previste in bilancio ma in ogni caso la domanda è: dove sono finiti i soldi che sono stati richiesti e che è stato dimostrato essere stati pagati?

Ci sarebbero altre considerazioni da fare ma poiché al momento tutto ciò che ho scritto potrebbe rivelarsi pura fantasia, e nel caso sono pronto a fare ammenda e assumermene la responsabilità, vorrei che qualcuno che abbia le competenze fornisca risposte e motivazioni plausibili e attendibili. Auspico davvero che ci sia un riscontro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiesa

Il prete che alzò la voce contro i mafiosi e lasciò il “palcoscenico” della basilica

Padre Nino Tomasello diceva che il cristiano deve saper tenere in una mano il Vangelo e nell’altra il giornale

Pubblicato

il

di ENRICO INDELICATO

Il Covid ha portato via padre Nino Tomasello e adesso mi piace pensare che Dio, o chi per lui, avrà certamente saputo accoglierlo in modo degno e con i meritati onori in quella patria celeste a cui tutti noi in fondo aneliamo, sperando, a volte contro ogni speranza, che esista veramente, da qualche parte lassù.

È stato un prete perbene, umile, discreto, gentile, con un sorriso timido e un sentire solido. Un pastore di quelli che, come dice Papa Francesco, non hanno mai paura dell’odore delle proprie pecore, che non disprezzano di sporcarsi le mani, che sanno scendere dagli altari. Non è una prerogativa che appartiene indistintamente e quasi per ruolo a tutti i pastori della Chiesa, anzi. Ecco, lui questo dono ce l’aveva.

Forse proprio per questo, tanti anni fa, aveva deciso, inopinatamente e spiazzando tutti, di lasciare il ruolo di prevosto della Chiesa Madre di Biancavilla, e non certo per fare un passo in avanti nel percorso degli onori e della gloria, ma per tornare a fare il parroco qualsiasi in una chiesa qualsiasi, lontano perfino dalla sua città.

Quel palcoscenico per prime donne, fatto come tutti i palcoscenici anche di apparenza e vanità, non faceva per lui. Un uomo mite e semplice come lui si trovava di gran lunga a suo agio dietro le quinte.

Eppure, mi ricordo, sapeva anche alzare la voce con autorevolezza, quando voleva e quando soprattutto era opportuno e doveroso farlo. Come quando, per esempio, tuonò contro la mafia durante un’affollata omelia estiva, proprio qualche giorno dopo un grave ed increscioso fatto di cronaca avvenuto in una Biancavilla come sempre attonita e superficiale. Quella volta invitò i biancavillesi presenti e sonnecchianti in Basilica a ribellarsi e a non accettare che una sparuta minoranza di delinquenti tenesse sotto scacco con il terrore e la sopraffazione un’intera città.  

Non mi è mai più capitato di sentire da alcun pulpito nostrano nulla di simile, con la stessa vibrante forza, con lo stesso evangelico coraggio.

Delle nostre tante chiacchierate me ne rammento una in particolare: in quella circostanza, si parlava del ruolo dei cristiani nella società, mi disse che il cristiano deve sempre saper tenere in una mano il Vangelo e nell’altra il giornale. Quella chiacchierata non l’ho più dimenticata. Riposa in pace, caro padre Tomasello…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili