Connettiti con

Cronaca

C’è alta tensione dopo l’agguato, altri rinforzi e pattuglie in paese

Pubblicato

il

colpi-darma-da-fuoco-nel-viale-europa

Carabinieri e polizia più presenti, a seguito del tentato omicidio di viale Europa. Le indagini privilegerebbero la pista che la fallita uccisione di Giuseppe Mancari, tornato da Siena a Biancavilla da alcuni mesi, sia maturata non per rancori del passato ma per fatti e movimenti più recenti.

 

di Vittorio Fiorenza

Se è vero che ad ogni azione (criminale) ne corrisponde una uguale e contraria, bisogna stare con gli occhi aperti. Il tentato omicidio di viale Europa potrebbe avere ripercussioni, in una Biancavilla criminale vivacissima, che cerca da anni, senza riuscirci, di trovare nuovi assetti ed equilibri condivisi.

È anche per questo che si registra in queste ore una maggiore presenza di carabinieri e polizia. Diverse le pattuglie che hanno effettuato posti di blocco nelle vie principali del pese e giri di controllo.

Già da alcuni mesi, le forze dell’ordine erano state più visibili nel centro etneo, riuscendo a sanzionare decine di violazioni relative al codice della strada. Un’ulteriore intensificazione dei controlli si sta avendo, a seguito dell’agguato mafioso del 2 novembre.

LEGGI GLI ARTICOLI

Tentato omicidio nel viale Europa: sei spari che riportano agli anni ’80

Un buon caffè per sdrammatizzare ma chi ha sparato voleva uccidere

Solo fortuna se Giuseppe Mancari, 67 anni, sia scampato alla serie di colpi di pistola che è stata esplosa contro di lui. A sparare un giovane inesperto, poi fuggito con un complice in sella ad uno scooter risultato rubato a Catania.

Le indagini dei carabinieri proseguono e sembrano privilegiare l’ipotesi che l’episodio criminale sia legato agli ultimi movimenti dell’uomo, tornato da Siena a Biancavilla da alcuni mesi. Non, dunque, una vendetta per fatti di un lontano passato, visto che Mancari sarebbe stato pure reggente del clan biancavillese a metà degli anni ’80. Ma un un’esecuzione (poi casualmente fallita) maturata e decisa nell’ultimo periodo. Investigatori ed inquirenti sono al lavoro per capire da parte di chi e per quali ragioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Sull’autobus Biancavilla-Adrano con 100 gr. di marijuana: arrestato 15enne

Meticolosi appostamenti degli agenti di polizia, il ragazzino aveva tutto l’occorrente per lo spaccio

Pubblicato

il

La Polizia di Stato ha arrestato un minorenne per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. È quanto è successo ad Adrano. Uomini del Commissariato di Polizia hanno sorpreso un quindicenne a bordo di un autobus di linea diretto ad Adrano, proveniente da Biancavilla.

Sospettando che il ragazzo avesse con sè sostanze stupefacenti, gli agenti hanno organizzato meticolosi appostamenti e pedinamento, volti a sorprendere il presunto giovane spacciatore.

Avuta contezza che sarebbe arrivato, a bordo di autobus, da Biancavilla, gli agenti alla fermata della stazione di quel comune sono saliti a bordo. Avvicinatisi al giovane, hanno subito avvertito un odore penetrante provenire dal suo zaino. Sospettando che si trattasse di stupefacente, hanno atteso che l’autobus arrivasse ad Adrano e che il ragazzo scendesse.

Così sceso dall’autobus, il giovane è stato bloccato e gli agenti hanno proceduto alla perquisizione dello zainetto. All’interno rinvenuti 100 grammi di marijuana, chiusa in un sacchetto in cellophane, e materiale per il confezionamento delle dosi: un bilancino di precisione, numerose bustine in plastica trasparente euna mini spillatrice per pinzettare le bustine.

Avuta pertanto la piena contezza del fatto che il giovane detenesse la marijuana non per farne uso personale bensì per spacciarla in città, si procedeva al suo arresto per il delitto di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Terminate le operazioni di fotosegnalamento presso il Commissariato, su indicazione dell’Autorità giudiziaria il minorenne è stato associato presso il Centro di prima accoglienza di Catania.

© RIPRODUZIONE RUISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili.