Connettiti con

Politica

Progetto “Gender” nelle scuole, a Biancavilla interviene Fratelli d’Italia

Pubblicato

il

Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale di Biancavilla interviene contro il progetto “Gender” nelle scuole, che tanto sta facendo discutere e dividere, ed invita i genitori biancavillesi a recarsi al palazzo comunale, dove è possibile firmare contro il disegno di legge sull’educazione di genere.

Contrastanti i pareri, molta la confusione, guerra ideologica sul social network. «Il programma –sostengono i militanti biancavillesi di FdI-An– intende sostenere ed impartire
la non-esistenza biologica del genere uomo/donna, l’ipersessualizzazione precoce e forzata degli alunni intesa come educazione sessuale, la non-necessità di una famiglia naturale, ovvero un solo padre e una sola madre. È innegabile che tutto ciò, non sia stato illustrato né reso noto ai genitori».

Da qui l’invito della forza politica a firmare contro il ddl. È possibile farlo, se maggiorenni, recandosi al palazzo comunale di Biancavilla, presso l’ufficio elettorale (dalle ore 9,00 alle ore 13,00 presso l’ufficio elettorale, non oltre il 23 settembre 2015.

«Sarà possibile firmare la petizione –si legge in un comunicato di Fratelli d’Italia– anche presso la nostra sede di Biancavilla, in via Mongibello 8/10, dal lunedì al sabato dalle ore 16.00 alle ore 20.00, grazie al prezioso contributo dei ragazzi del “Mercatino del libro usato”».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
1 Commento

1 Commento

  1. Enrico R.

    14 Settembre 2015 at 15:00

    Non è certo un tema facile, e sicuramente non è firmando una petizione o sciorinando frasi come “ipersessualizzazione precoce e forzata degli alunni” che la tematica quanto mai pressante del Gender possa trovare una soluzione. Mi piacerebbe condividere qui un articolo apparso il 22 giugno 2015 su Repubblica, in cui Michela Marzano spiega, in modo chiaro, come debba essere accolta l’educazione e il rispetto alla diversità. Ne segnalo subito un estratto, per poi indicare il link dell’articolo.

    <>

    da: http://www.repubblica.it/cronaca/2015/06/22/news/la_crociata_del_gender_il_fantasma_che_agita_i_cattolici-117439745/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Carenza idrica, riunione d’urgenza a Biancavilla: stanziati 85mila euro

Disservizi in varie zone: sopralluogo nei pressi di viale dei Fiori, dove i disagi sono più marcati

Pubblicato

il

A Biancavilla, come nel resto della Sicilia, si registra una carenza idrica che sta portando una serie di disservizi in viarie zone. L’abbassamento delle falde nei tre pozzi cittadini ha prodotto un calo di circa 13 litri al secondo. Per affrontare e risolvere i disagi, l’amministrazione comunale ha stanziato 85mila euro da utilizzare per la manutenzione straordinaria dei pozzi.

Una riunione convocata d’urgenza dal sindaco Antonio Bonanno ha chiamato al palazzo comunale gli assessori Vincenzo Giardina e Mario Amato. Con loro anche il capo area del settore, il responsabile della Protezione Civile del Comune e i fontanieri comunali.

«Grazie alle risorse messe in campo – dice Bonanno – provvederemo a spurgare i pozzi e ad attuare interventi migliorativi che ci permettano di recuperare l’acqua perduta e tornare ai normali livelli di erogazione. Nel frattempo abbiamo attivato la Protezione Civile per mettere sin da subito a disposizione dei cittadini un’autobotte per il rifornimento delle abitazioni rimaste all’ascolto. Un’autobotte comunale – lo ricordo – è attiva da giorni».

Un sopralluogo del primo cittadino e dell’assessore Giardina è stato effettuato nella zona di Viale dei Fiori, dove l’erogazione idrica, in maniera più marcata rispetto ad altre aree cittadine, si muove a macchia di leopardo. In altre zone sono state riscontrate delle perdite in corso di riparazione.

Un’emergenza siciliana

«Va da sé che a nessuno di noi sfuggono le dimensioni della crisi idrica in atto, fenomeno di vasta portata che ha indotto il presidente della Regione Siciliana Schifani a chiedere lo stato di emergenza e a invitare tutti i siciliani a un utilizzo razionale della risorsa acqua. Sulla scorta di queste sollecitazioni, anche il Comune di Biancavilla – sottolinea Bonanno – emanerà nei prossimi giorni una serie di direttive affinché nessuno sciupi l’acqua che ha a disposizione». 

Le ditte che dovranno eseguire i lavori di manutenzione straordinaria sono già stata incaricate. Nei prossimi giorni i cittadini saranno avvertiti in tempo utile quando l’erogazione dai pozzi sarà interrotta per consentire gli interventi.

«Rivolgo sin d’ora un appello a tutti i biancavillesi a razionalizzare l’acqua. Sappiate – conclude il sindaco – che alla questione idrica la mia amministrazione sta dando priorità assoluta».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti