Connettiti con

In città

Corsa in maglia arancione per “3 S”: tutti i vincitori della Stracittadina

Pubblicato

il

stracittadina-biancavilla2

L’assessore Francesca Grigorio assieme ad alcuni partecipanti

Una corsa non competitiva per una domenica mattina diversa. Prima edizione della “Stracittadina Città di Biancavilla”, manifestazione ludico-sportiva dalle “tre S”: sport, salute e socialità, promossa dall’assessore alle Politiche sociali, Francesca Grigorio, col patrocinio gratuito della Fidal Catania (Federazione Italiana di Atletica Leggera).

La partenza è stata a piazza Roma. Il percorso: via Vittorio Emanuele, piazza Sant’Orsola, via Innessa fino al Belvedere, poi via Umberto, di nuovo via Vittorio Emanuele e conclusione in piazza Roma.

I premiati per la gara lunga (6 Km) sono stati, nell’ordine di arrivo: Daniele Lucifora, Francesco La Cava, Antonio Diolosà, Andrea Cerami (per la categoria maschile) e Sheryl Pino, Francesca Tirenni, Rosanna Neri e Marilena Neri (per la categoria femminile).

Per la gara corta (2 km), invece, premi per Lorenzo Pappalardo (infanzia. Dai 3 ai 5 anni), Giorgia Allegra (piccoli: dai 6 ai 10 anni), Daniele Galvagno e Ludivica Garufi (giovanissimi: 11-14 anni), Pierluigi Schiliró e Alessandra Ventura (promettenti: 15-50 anni), Dino Navarria e Giuseppina Portale (mater: dai 51 anni in su).

Premiato pure il più piccolo dei partecipanti, Mattia Arena, ed il gruppo dei “piccoli amici” accompagnati dall’istruttrice Carminia Zammataro e composto da: Andrea Randazzo, Giuseppe Pennisi, Riccardo Sangiorgio, Gabriele Galvagno, Giovanni Moncino, Vincenzo Tirenni e Biagio Caltabiano.

stracittadina-biancavilla1

La premiazione dei più piccoli

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
1 Commento

1 Commento

  1. FRANCESCOharris

    10 Giugno 2015 at 12:38

    ASSOLUTO FALLIMENTO DELLA MANIFESTAZIONE!!! SI POTEVA FARE MEGLIO… MAGARI CON PERSONAGGI ORGANIZZATIVI DIVERSI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

In città

Il carnevale al “Cenacolo”: niente coriandoli ma tanta voglia di cantare

Momento festoso di condivisione tra gli ospiti della comunità terapeutica assistita

Pubblicato

il

Nella Comunità Terapeutica Assistita Cenacolo Cristo Re di Biancavilla, il Carnevale non è passato inosservato. In tutto il mondo a causa, ormai della pandemia tutte le attività carnascialesche sono state sospese per evitare il propagarsi del virus.

Nella struttura, certe occasioni non debbono passare inosservate per gli ospiti che affrontano la quotidianità. E quindi, rimodulando la maniera di vivere la festa, si è approntata un’altra iniziativa per dare la stessa gioiosità ed allegria.

Niente balli comunitari né coriandoli, bensì tante strisce filanti appese ai muri e… voglia di cantare.

È stato intensificato, infatti, il laboratorio musicale nel periodo precedente i classici giorni del carnevale con la selezione di ben nove ospiti che attraverso le loro qualità canore hanno saputo esprimere delle potenzialità da offrire per un momento comunitario e di condivisione.

Gli operatori, in accordo all’equipe, hanno programmato un concorso musicale dove nei giorni di Giovedì Grasso e Martedì di Carnevale gli ospiti si sono esibiti, sottoponendosi non solo agli applausi di tutti i presenti. Ma anche e soprattutto ad una giuria composta da tutte le qualifiche professionali presenti nella comunità e da una rappresentanza dell’utenza.

Un attestato di partecipazione a tutti i concorrenti e medaglie per i primi tre classificati, unitamente a tante squisite “chiacchiere”, hanno arricchito l’evento.

La pandemia non ferma le attività ma, con le dovute cautele e nel rispetto delle regole igienico-sanitarie anti covid, riesce a modulare iniziative che fanno sì che il percorso terapeutico riabilitativo possa comunque continuare per dare risposte di qualità di vita agli assistiti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili