Connettiti con

Associazionismo

A chi destinare il 5×1000? Ecco le nove associazioni di Biancavilla

Pubblicato

il

dichiarazione-redditi

Sono nove le associazioni accreditate a Biancavilla per potere ricevere ai benefici del 5 x 1000. Tra queste, ci sono pure due circoli ricreativi, che in tempi di difficoltà di bilanci da fare quadrare, cercano così di racimolare qualcosa dalla scelta dei contribuenti di destinare la quota in fase di dichiarazione dei redditi.

L’elenco è stato pubblicato in questi giorni dall’Agenzia delle entrate. Figurano: “La Città invisibile”, il circolo Castriota, il circolo Unione Operai, l’Associazione Croce al Vallone, l’Avis, il nucleo di protezione civile dell’Associazione Nazionale Carabinieri, l’associazione Diversa-Mente Uguale, “Reload, per un’isola che non isola” e Casa di Maria.

Si può optare di donare il 5×1000, indicando nel modello per la dichiarazione dei redditi 2015, il codice fiscale dell’associazione prescelta. Ecco qui i dati:

Associazione Croce al Vallone 93013410878    

Associazione Diversa-Mente Uguale 93127040876  

Avis Biancavilla 93028230873    

Casa di Maria 93157980876 

Circolo Castriota 80014530879    

Circolo Unione Operai 80025660871    

La Città Invisibile 04732800877    

Nucleo di Protezione Civile Anc 93122250876    

Reload, per un’isola che non isola 93153980870    

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Associazionismo

Euromed, intesa tra Comune e Fidapa su pari opportunità e parità di genere

Una “triplice alleanza” per una comunità più civile, sviluppata, dignitosa e contro le diseguaglianze

Pubblicato

il

Un accordo tra l’assessore alle Pari opportunità, Giorgia Pennisi, il presidente del Consiglio Comunale, Martina Salvà, e la presidente della Fidapa Adrano-Biancavilla, Graziella Milazzo. Un’intesa per il rispetto della “Carta Euro-Mediterranea per l’uguaglianza tra Donne e Uomini nella Vita Locale”. Uno strumento che ribadisce uno dei diritti fondamentali degli esseri umani. E che fornisce alle autorità locali delle linee guida etiche e alle popolazioni locali un mezzo perché i diritti di eguaglianza non vengano disattesi. 

«Le iniziative a favore della parità di genere – osserva l’assessore Pennisi – assumono un ruolo fondamentale oggi come non mai al fine di combattere la discriminazione delle donne sia nella sfera pubblica che in quella privata. La collaborazione con l’associazione Fidapa rappresenta dunque un’indispensabile risorsa per la creazione di strategie e di progetti. Siamo fiduciosi che l’azione sinergica tra amministrazione e associazioni possa portare al raggiungimento, passo dopo passo, di obiettivi che rendano la nostra società sempre più civile, sviluppata ed equa».          

«Noi autorità locali, in qualità di governo più vicino al cittadino – spiega il presidente Salvà – possiamo avere un ruolo primario nel combattere e sradicare le diseguaglianze. E nel costruire una società più giusta e dignitosa. Tutto questo anche attraverso la cooperazione con gli attori locali della società civile, incluse le associazioni, come la Fidapa del distretto Adrano-Biancavilla, e le Ong».

«Fidapa – sottolinea la presidente Graziella Milazzo – è orgogliosa che il Comune di Biancavilla, su nostro input, abbia aderito al progetto della Carta Euro-Mediterranea. Un progetto che si occupa di pari opportunità e parità di genere. Ma ora bisogna mettersi all’opera affinché i principi e le iniziative proposte da Euromed possano essere portati avanti all’interno della nostra comunità. Per quanto ci riguarda stiamo progettando un insieme di iniziative che possano coinvolgere le scuole».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili