Connettiti con

Detto tra blog

“Spartiviale”, viaggio nella periferia in cui il malgoverno entra dalle narici

Pubblicato

il

banner-detto-tra-blog

di RAMONA LAVENIA

Nascere e crescere in una zona della città non centrale ha da sempre rappresentato un handicap per i cittadini. Una condizione di emarginazione che ha segnato in parte la natura degli abitanti stessi. Questo è ciò che accade nelle grandi metropoli: sarà che non me ne sia mai accorta, ma vivo in un grandissimo centro urbano, tanto è vero che abitare ad un chilometro dal palazzo comunale ormai significa… emarginazione.

Viale Europa, detto più comunemente “Sparviale”, arteria fondamentale per i tanti agricoltori che ogni mattina, ancora con “scuru e lustru”, scendono verso una campagna che tentano di non lasciar morire: questo è il luogo in questione.

Da anni, ormai, qui si vive in balia delle “piaghe” biancavillesi: il mal governo, oggi più che mai, si sente sulla pelle e dentro le narici.

In questi giorni tutti cominciano ad aprire le finestre per dare il benvenuto alla primavera, ma chi abita in questa zona di Biancavilla deve restare barricato in casa perché il solito, nauseabondo fetore entra nell’anima e riporta i più anziani a quando il sistema fognario era all’aria aperta. Ma questo, ad onor del vero, succede solo se si ha necessità di far cambiare l’aria alle abitazioni, altrimenti possiamo vivere sereni. «Beh, ma voi perché abitate così vicino all’impianto di depurazione?», è stato osservato dall’alto.

Quando piove si può uscire con la barca perché l’acqua di tutte le strade biancavillesi, scendendo, passa da qui trascinandosi la melma e l’immondizia di ogni via. «Beh, ma voi perché abitate nella periferia a sud?», è stato osservato dall’alto. Tutto potrebbe finire lì, senonché al temine dell’acquazzone, lo sporco lo devono togliere, da soli, coloro che qui vi abitano. Pur essendo una strada principale, mai si è vista una macchina pulitrice avvicinarsi alle case. Si ferma venti metri prima, quasi per segnare un divario: «Cristo si è fermato al civico ###».

Poi ti capita di uscire, sempre per estrema necessità, quando la luce del giorno non ti è più di supporto. Così ti ritrovi al buio davanti branchi di otto o più cani randagi che rovistano tra i tuoi rifiuti perfettamente differenziati. Sì, completamente al buio: da mesi non c’è illuminazione pubblica. I lampioni –uno circa sei mesi fa, l’altro più recentemente– sono stati colpiti da veicoli di passaggio e messi completamente fuori uso. Le continue segnalazioni, richieste, denunce sono servite a nulla: «Non ci sono soldi», dicono. «Non è di nostra competenza», dicono. «Domani veniamo», dicono.

Scuse e ancora scuse. E poi ti viene una rabbia dentro perché sai che sei abbandonato a te stesso fino a quando ogni quinquennio devi tornare alla urne, oppure quando c’è bisogno di far cassa. E così ti chiedi “Per cosa pago le tasse?”. Un interrogativo più che lecito, se ogni singolo diritto ti viene leso: alla salubrità dell’aria, alla sicurezza, alla dignità. E l’angoscia ti assale perché ad ogni richiesta di aiuto risponde la nostra stessa eco, che rimbomba nelle stanze vuote del Palazzo Comunale.

viale-europa

Un’immagine della parte finale di viale Europa

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
5 Commenti

5 Commenti

  1. Placido D'Urso

    10 Maggio 2015 at 14:40

    Tipico esempio di incapacità e menefreghismo amministrativo. Glorioso e la sua giunta (Anzi, le sue giunte) si prendano tutte le responsabilità. Governano da sei anni, non hanno alibi e scuse. Una sola parola: VERGOGNA.

  2. Alex

    9 Maggio 2015 at 21:38

    Gli amministratori del palazzo comunale dovrebbero quantomeno arrossire di fronte a questa triste realtà.

  3. Salvatore Bisicchia

    9 Maggio 2015 at 13:04

    Vista da lontano Biancavilla e’ tutta uguale,mal governata dagli amministratori e maltrattata dai suoi abitanti.

    • Antonio Zingale

      10 Maggio 2015 at 14:38

      Sottoscrivo e condivido.

  4. ALFIO

    9 Maggio 2015 at 11:18

    Esatta descrizione di una vergogna biancavillese. In questo quartiere siamo cittadini di serie B. Tornatene a lavorare Glorioso e lascia spazio a chi è in grado di risolvere i problemi e amministrare un paese, visto che tu hai dimostrato di non saperlo fare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Chiesa

Il prete che alzò la voce contro i mafiosi e lasciò il “palcoscenico” della basilica

Padre Nino Tomasello diceva che il cristiano deve saper tenere in una mano il Vangelo e nell’altra il giornale

Pubblicato

il

di ENRICO INDELICATO

Il Covid ha portato via padre Nino Tomasello e adesso mi piace pensare che Dio, o chi per lui, avrà certamente saputo accoglierlo in modo degno e con i meritati onori in quella patria celeste a cui tutti noi in fondo aneliamo, sperando, a volte contro ogni speranza, che esista veramente, da qualche parte lassù.

È stato un prete perbene, umile, discreto, gentile, con un sorriso timido e un sentire solido. Un pastore di quelli che, come dice Papa Francesco, non hanno mai paura dell’odore delle proprie pecore, che non disprezzano di sporcarsi le mani, che sanno scendere dagli altari. Non è una prerogativa che appartiene indistintamente e quasi per ruolo a tutti i pastori della Chiesa, anzi. Ecco, lui questo dono ce l’aveva.

Forse proprio per questo, tanti anni fa, aveva deciso, inopinatamente e spiazzando tutti, di lasciare il ruolo di prevosto della Chiesa Madre di Biancavilla, e non certo per fare un passo in avanti nel percorso degli onori e della gloria, ma per tornare a fare il parroco qualsiasi in una chiesa qualsiasi, lontano perfino dalla sua città.

Quel palcoscenico per prime donne, fatto come tutti i palcoscenici anche di apparenza e vanità, non faceva per lui. Un uomo mite e semplice come lui si trovava di gran lunga a suo agio dietro le quinte.

Eppure, mi ricordo, sapeva anche alzare la voce con autorevolezza, quando voleva e quando soprattutto era opportuno e doveroso farlo. Come quando, per esempio, tuonò contro la mafia durante un’affollata omelia estiva, proprio qualche giorno dopo un grave ed increscioso fatto di cronaca avvenuto in una Biancavilla come sempre attonita e superficiale. Quella volta invitò i biancavillesi presenti e sonnecchianti in Basilica a ribellarsi e a non accettare che una sparuta minoranza di delinquenti tenesse sotto scacco con il terrore e la sopraffazione un’intera città.  

Non mi è mai più capitato di sentire da alcun pulpito nostrano nulla di simile, con la stessa vibrante forza, con lo stesso evangelico coraggio.

Delle nostre tante chiacchierate me ne rammento una in particolare: in quella circostanza, si parlava del ruolo dei cristiani nella società, mi disse che il cristiano deve sempre saper tenere in una mano il Vangelo e nell’altra il giornale. Quella chiacchierata non l’ho più dimenticata. Riposa in pace, caro padre Tomasello…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili