Connettiti con

Detto tra blog

La Madonna tra i simboli comunisti e il misero bigottismo di tanti giovani

Pubblicato

il

di DOMENICO PAPPALARDO

Ha sollevato discordi opinioni la scelta di venerare l’immagine della Madonna presso la sede di Rifondazione Comunista a Biancavilla, evento che ormai si ripete da anni con continuità. È importante che si noti un tale evento, per sottolineare se ve ne fosse bisogno, come persino un partito ormai consegnato alla storia del Novecento riesca costantemente ad attualizzarsi, guardando ben oltre il misero bigottismo di tanti giovani che non sanno distinguere cultura ed ideologia, passato e presente.

C’erano una volta i regimi nazionalistici del ventesimo secolo con la loro religione, i loro santi e le loro reliquie; questa religione si chiamava orgoglio nazionale, i suoi santi erano gli eroi che rendevano grande lo stato. Poi ad un tratto il secolo volse al termine e con esso anche quei regimi divennero memoria storica. Fine.

La memoria storica è fondamentale per comprendere il presente, purtuttavia non lo esaurisce, non tutto si spiega attraverso le lenti del passato e non tutto si esaurisce nelle semplici dicotomie opposte a cui siete stati abituati. La realtà in cui viviamo è più complessa: innanzi tutto questa non è l’URSS e non lo è mai stata, questa è l’Italia un paese di solida tradizione cattolica che trova proprio nel cristianesimo una delle sue radici più profonde e Biancavilla non fa eccezione; in secondo luogo i regimi nazionalistici in quanto ormai storicizzati, sono un prospettiva che da sola distorce i giudizi sul presente.

Il nostro tempo e luogo è un complesso incontro di culture, Biancavilla è il paese che ospita l’icona di una venerata madonna ortodossa, ma è anche il paese che ha visto esplodere con enorme forza le lotte contadine di matrice comunista. E’ entrambe le cose, che oggi senza più attrito possono fondersi creando l’unicità dell’identità locale di Biancavilla, elementi con cui dobbiamo dialogare senza preconcetti se vogliamo conoscere la nostra terra.

Le contraddizioni che irrisoriamente emergono sono semplici errori prospettici, non è più il ventesimo secolo, non ci dividiamo più in devoti della grande madre celeste e della grande madre Russia. Oggi la cultura comunista, perfino nelle sue più piccole sedi di partito, ha compreso che siamo fuori dalle contrapposizioni e dalle categorie novecentesche, che non dobbiamo vergognarci del nostro retaggio ed anzi che solo aprendo al dialogo fra differenti indirizzi culturali possiamo essere realmente cittadini di questo paese e di questo tempo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
1 Commento

1 Commento

  1. Lenin

    9 Maggio 2015 at 11:30

    Ho sempre diffidato dai comunisti che si dicono credenti: i cattocomunisti sono i peggiori. Perché non trasformate quella sede in una confraternita? Tanto, in questo paese soltanto processioni e parate sapete fare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Detto tra blog

Premio Scanderbeg (e alla memoria), buona idea riconoscere i meriti però…

Note a margine dell’evento promosso dalla Presidenza del Consiglio Comunale a Villa delle Favare

Pubblicato

il

Ho letto con piacere dell’esistenza del premio Scanderbeg, istituito dal Comune di Biancavilla e, nello specifico, dalla Presidenza del Consiglio Comunale. L’idea che le nostre istituzioni vogliano dare merito e riconoscimento a personalità che si siano distinte in ambiti professionali o di impegno civico, culturale, sociale o volontaristico mi sembra valida e da sostenere.

Ci sono, tuttavia, due osservazioni che spontaneamente nascono dalla lettura delle cronache dell’evento di premiazione, avvenuto a Villa delle Favare.

Scegliere di stilare un ampio ventaglio di premiati rischia, nel giro di qualche anno, di esaurire il numero di meritevoli a cui conferire il riconoscimento. O quantomeno si rischia di individuare personalità via via “minori” rispetto a quelli già chiamati sul palco. In altre parole: meglio scegliere, per ogni edizione, pochi ma farlo con criterio, evitando motivazioni troppo generiche.

Altro aspetto che è saltato alla mia attenzione è la categoria del “premio alla memoria”. Non è inusuale che certi riconoscimenti vengano dati post mortem. Di solito accade per scomparse premature o improvvise.

Nel caso della manifestazione del Comune di Biancavilla sembra, invece, che si tratti di una categoria fissa, da riproporre ogni anno. L’idea, in questo caso, non fa altro che certificare la disattenzione che in passato l’istituzione comunale ha avuto nei confronti dei biancavillesi meritevoli.

I premi si danno in vita, non dopo la morte! Sembra si voglia colmare l’indifferenza che sindaci e consiglieri hanno mostrato nel passato. Cosa vera, ma ormai è troppo tardi. Vogliamo dare un premio, dunque, alla memoria per Antonio Bruno e farci perdonare le malignità riservate prima e dopo la sua morte o l’oblio che ne è seguito per decenni? Guardiamo avanti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti