Connettiti con

Cronaca

Furto al plesso “Cielo stellato”, le insegnanti: «Siamo sconfortate»

Pubblicato

il

plesso-cielo-stellato

Rubati stereo, televisore, monitor e macchinetta del caffè. Appello al sindaco: «Bisogna intervenire. Deprimente vedere strumenti didattici sottratti ai nostri bambini».

di Vittorio Fiorenza

Una furia razziatrice. Hanno portato via uno stereo, un televisore, diversi monitor di pc e persino la macchinetta del caffè. Ennesimo furto al plesso “Cielo stellato”, che ospita la scuola dell’infanzia del Secondo Circolo didattico di Biancavilla.

Sprovvisto di allarme e sistema di videosorveglianza, l’edificio scolastico è stato “visitato” dai ladri in questo fine settimana. Potrebbe essere stato venerdì notte oppure sabato (visto che il plesso è chiuso) o domenica.

Non si è ancora capito da dove i malviventi si siano introdotti, non essendoci segni di effrazione dall’ingresso principale. Probabilmente è stata forzata una serranda e da lì si è potuto accedere alle classi e al laboratorio di informatica.

All’apertura della scuola, che conta 180 alunni, questa mattina, l’amara sorpresa. Indignazione, rabbia e delusione da parte degli insegnanti.

A Biancavilla Oggi hanno chiesto di riportare il loro appello: «Ci rivolgiamo al sindaco Glorioso. È arrivato il momento di intervenire perché adesso il danno è stato grosso. Bisogna dotare il plesso di sistemi che scoraggino questi fatti. Per noi è deprimente e sconfortante vedere che strumenti didattici e di lavoro siano stati sottratti ai nostri bambini. Alcune strumentazioni erano state acquistate con soldi di noi insegnanti o dei genitori. Abbiamo poco, ma quel poco ora ci è stato tolto. È veramente molto sconfortante, si faccia qualcosa».

Non è la prima volta che il “Cielo stellato” venga preso di mira. Già a novembre, un altro furto. In quel caso era stata rubata la macchinetta del caffè. Adesso, il danno più grosso.

«Non è l’azione di un disperato –ritengono le insegnanti– in una classe c’erano delle marionette attaccateal muro e di proposito le hanno buttate a terra. Un gesto che interpretiamo come un segno di sfida, uno sfregio al nostro lavoro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Rissa plateale tra albanesi e rumeni a colpi di bottiglie, bastoni e martello

i carabinieri sono già al lavoro per comprendere i motivi della lite e identificare i responsabili

Pubblicato

il

Sarebbero almeno sette le persone coinvolte in una rissa, verificatasi a Biancavilla, nel cuore del centro storico. Una lite innescata nei pressi di un bar di piazza Roma. I soggetti in via di identificazione sarebbero di nazionalità albanese e rumena.

La rissa ha catturato l’attenzione delle persone presenti in piazza. In tre hanno riportato ferite da taglio. Due sono stati trasportati al pronto soccorso dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata” di Biancavilla e un terzo nella struttura del “Santissimo Salvatore” di Paternò. Le loro condizioni, comunque, non destano preoccupazione.

In piazza si è sparsa la voce dell’uso di coltelli e di un’ascia. Ma è un dettaglio che al momento non sembra trovare riscontro. I contendenti avrebbero fatto uso, invece, di bottiglie, qualche bastone e un martello.

Sul luogo, sono intervenute tre pattuglie di carabinieri e di polizia municipale, oltre a due ambulanze del 118.

I militari stanno già indagando per capire le ragione che hanno innescato la lite di gruppo. Oltre alle testimonianze raccolte in piazza, alcuni testimoni sono stati sentite presso la caserma di via Benedetto Croce.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili