Connettiti con

Associazionismo

Avis, donazioni in calo ma l’impegno dell’associazione non si ferma

Pubblicato

il

prelievo-sangue

di Vittorio Fiorenza

Il numero dei donatori è di 198 (4 in meno rispetto all’anno precedente) e quello delle donazioni è di 258 (ovvero 17 in meno, se confrontato con i precedenti 12 mesi).

Il 2014, per l’Avis di Biancavilla, non è un anno da ricordare tra i migliori. Anche coloro che hanno effettuato la donazione di sangue per la prima volta sono stati 24, mentre nel 2013 erano stati 35. Persino le predonazioni sono passate dalle 113 del 2013 alle 64 del 2014.

Sono numeri che, comunque, non scoraggiano l’associazione biancavillese, che ha ormai un profondo radicamento nel territorio e svolge la propria azione di volontariato in maniera silenziosa.

Per questo, il direttivo è già impegnato nell’organizzazione dell’annuale “Festa del donatore”, che si terrà, contestualmente all’assemblea dei soci, il 14 febbraio: è stata chiamata, non a caso, “InnamorAVISsimi in Paradise”, anche dal nome del locale in cui avrà luogo.

Quanto al calendario delle donazioni per il 2015, queste le date che bisogna annotare: 18 gennaio, 22 febbraio, 22 marzo, 19 aprile, 24 maggio, 21 giugno, 19 luglio, 30 agosto, 20 settembre, 18 ottobre, 22 novembre, 20 dicembre. I prelievi saranno effettuati presso la sede dell’associazione, in via Garibaldi, con eccezione degli appuntamenti di aprile (parrocchia San Salvatore), agosto (piazza Roma), ottobre (piazza Annunziata) e novembre (parrocchia Cristo Re).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Associazionismo

Gli ospiti del “Cenacolo” in visita al cimitero militare del Commonwealth

Un’iniziativa educativa nel segno del ricordo e della memoria organizzata dal Lions club

Pubblicato

il

Gli ospiti della Comunità Terapeutica Assistita “Cenacolo Cristo Re” di Biancavilla hanno partecipato ad una lezione di storia all’aperto, purtroppo di pregnante attualità.

In occasione della Manifestazione in ricordo e memoria delle vittime militari del Secondo Conflitto Mondiale ed in generale di tutte le guerre, organizzata dal Lions Club “Faro Biscari” di Catania, una rappresentanza degli ospiti ha visitato il cimitero militare del Commonwealth di contrada Bicocca a Catania, rendendosi visivamente conto degli effetti nefasti che una guerra produce.

Gli utenti in struttura, ascoltando e vedendo il telegiornale e gli altri media, partecipano alle vicende che in questo momento coinvolono da vicino anche la nostra Europa. E ne discutono nei gruppi periodicamente organizzati per affrontare argomenti di loro scelta.

Emozionante e coinvolgente, quindi, è risultata tutta la cerimonia che si è svolta alla presenza di autorità militari, civili e religiose, e di rappresentanti delle associazioni d’arma e combattentistiche che al termine della funzione e dei discorsi celebrativi hanno deposto una corona di alloro ai piedi dell’obelisco al centro dell’area cimiteriale. Nutrito l’intervento di militari provenienti dalla base USA di Sigonella.

In questa cornice, la positività per gli ospiti è stata di avere avuto l’opportunità di poter pregare davanti ai ceppi marmorei di quelle giovani vittime. Ma anche avere potuto porgere delle domande, frutto di riflessioni maturate nell’ambito dei gruppi laboratoriali, facendo così aumentare la consapevolezza del valore della pace e il ripudio dei conflitti.

L’iniziativa è stata possibile grazie all’opera di raccordo di Salvuccio Furnari, coordinatore catanese delle attività di servizio Lions, tra la dirigenza del club “Faro Biscari” presieduto da Guido Cosentino, e quello di Adrano – Bronte – Biancavilla, presieduto da Giosuè Greco, e inserita nella programmazione predisposta dall’Equipe multidisciplinare del “Cenacolo Cristo Re”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili