Connettiti con

Cronaca

Il centro Calipso: «Violenza sulle donne, qui è un fenomeno diffuso»

Pubblicato

il

Prima il rinvio a giudizio per maltrattamenti e stalking nei confronti dell’ex convivente a carico di un biancavillese di 35 anni. Poi, l’arresto di un altro 35enne di Biancavilla per atti persecutori nei confronti dell’ex fidanzata. Due notizie in pochi giorni, segno che il fenomeno della violenza sulle done è molto diffuso, più di quanto si possa pensare.

Lo sa bene l’avv. Pilar Castiglia, presidente del centro antiviolenza “Calipso”, che su questo fronte si trova in prima linea.

«Riceviamo -spiega l’avv. Castiglia a Biancavilla Oggi– continue richieste di aiuto da parte di donne biancavillesi e dei paesi limitrofi. È triste che nella maggior parte dei casi queste povere donne sono vittime della violenza degli uomini che hanno amato e con i quali hanno avuto anche dei figli».

Una violenza che in genere è vissuta silenziosamente per anni. «Purtroppo -sottolinea ancora il presidente dei Calipso- spesso le mura domestiche anziché rappresentare protezione per le donne e i loro bambini rappresentano un incubo nel quale si consumano delitti atroci. Calipso è nato per aiutare le donne che vivono questo inferno. Con un lavoro sinergico tra noi dei centri antiviolenza e le istituzioni ce la si può fare a combattere questo fenomeno».

Le donne che subiscono maltrattamenti e hanno bisogno di assistenza ed aiuto si possono rivolgere al centro Calipso, contattando il numero di cellulare: 393-5680986.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Olio esausto all’ingresso dei seggi elettorali del plesso “Don Bosco”

Gesto vandalico o di protesta? Presidenti e scrutatori hanno dovuto attendere la pulizia del luogo

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Olio esausto sparso sulla porta e i gradini d’ingresso di uno degli edifici del plesso elementare “Don Bosco” del quartiere Cicalisi, a Biancavilla. La sostanza e la bottiglia in plastica che la conteneva sono state trovate nel padiglione B che ospitano le sezioni 16 e 17.

I presidenti e scrutatori, impegnati nelle operazioni per queste elezioni europee, avrebbero dovuto procedere con i consueti preparativi per la costituzione dei seggi. Ma non è stato possibile accedere ai locali. I funzionari del Comune hanno dovuto chiamare una ditta specializzata perché pulisse l’area.

Il fatto sarebbe accaduto con ogni probabilità questa notte. Sul gesto intenzionale non ci sono dubbi. Si tratta di capire il valore: azione vandalica o gesto politico di protesta? Certo è che chi l’ha compito ha scavalcato la recinzione del plesso scolastico (appartenente al Primo circolo didattico) per poi gettare la sostanza oleosa e lasciando a terra la bottiglia. Sul posto, è intervenuta una pattuglia della polizia locale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti