Connettiti con

Politica

Elipista all’ospedale, D’Asero: «Opera ostacolata con scorrettezza»

Pubblicato

il

nino-dasero

Il deputato biancavillese all’Ars, Nino D’Asero

«Centomila euro vincolati sul bilancio 2007 e l’elipista all’ospedale di Biancavilla resta ancora un miraggio. Sono passati 7 anni da quando con l’allora assessore regionale alla Sanità, Roberto Lagalla, dopo un sopralluogo nell’area individuata per la realizzazione dell’opera, ottenemmo il finanziamento. Da allora questi soldi restano fermi nei cassetti della Regione, in attesa che il dirigente di turno dia lo “sta bene” alla costruzione della pista. Siamo davanti ad un caso di malaburocrazia e di ordinaria disamministrazione che determina nei cittadini, che attendono da anni, giusti risentimenti».

Sono le parole del deputato biancavillese all’Assemblea Regionale Siciliana, Nino D’Asero, dopo la pubblicazione di Biancavilla Oggi del documento dell’Enac, che evidenzia una serie di criticità del sito vicino il nuovo plesso ospedaliero di Biancavilla, individuato dall’Asp per la realizzazione dell’elisuperficie.

«Non si capisce, dopo il parere positivo rilasciato anni addietro dall’Enac, quali altre autorizzazioni bisogna ancora aspettare. Verificherò -annuncia il capogruppo all’Ars del Nuovo Centrodestra- di chi sono le responsabilità di un atteggiamento scorretto e ostativo che impedisce, a discapito della tutela della salute dei cittadini di Biancavilla e dell’intero comprensorio, la realizzazione dell’elipista all’ospedale, in ricordo anche della memoria di un giovane, Giuseppe Greco, morto in un tragico incidente».

La battaglia per la costruzione dell’opera, infatti, è cominciata all’indomani dell’incidente in cui morì il ragazzo, vicino la scuola media “Luigi Sturzo”, mentre era alla guida della sua moto. Una battaglia portata avanti dal padre del giovane, Carmelo, attraverso l’associazione intitolata alla memoria del figlio, che ha promosso una petizione, sottoscritta da oltre 7000 cittadini di Biancavilla, Adrano e Santa Maria di Licodia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Addio alla plastica, in tre scuole di Biancavilla erogatori d’acqua ecologici

Agli alunni consegnati pure borracce per eliminare quintali di bottiglie altamente inquinanti

Pubblicato

il

Nell’ambito del progetto denominato “L’acqua che fa a scuola”, finalizzato a ridurre il consumo di bottiglie di plastica, in tre scuole di Biancavilla sono stati inaugurati oggi altrettanti distributori di acqua. L’iniziativa è della società S.T.E.I. – Soluzioni e Tecnologie per l’Ecocompatibilità ed Inclusione – in collaborazione con l’amministrazione comunale.

I tre erogatori sono stati installati nell’Istituto comprensivo “Antonio Bruno”, nel plesso “San Giovanni Bosco” e nella scuola “Giovanni Verga”. Ai ragazzi è stata consegnata una borraccia che, d’ora in poi, prenderà il posto delle inquinanti bottigliette di plastica.

All’inaugurazione hanno partecipato il sindaco Antonio Bonanno, l’assessore alla Pubblica Istruzione, Luigi D’Asero, il presidente del Consiglio Comunale, Martina Salvà, il presidente della S.T.E.I., Pier Casolari, e il responsabile del progetto S.T.E.I., Giuseppe Lazzaro.

Erogatori e borracce sono stati finanziati grazie al contributo di aziende locali che hanno accolto con entusiasmo l’iniziativa nel segno dell’ecologia. I rappresentanti delle aziende sponsor, presenti all’inaugurazione, hanno ricevuto i ringraziamenti dai promotori dell’iniziativa.

«Una classe – osserva l’assessore D’Asero – può consumare in un anno circa 700 kg di plastica soltanto per dissetarsi e ricorrere alle classiche bottigliette. Educare i giovani studenti ad un utilizzo ecosostenibile delle nostre risorse è il primo passo verso un approccio ecologico della nostra vita, a partire dalle cose più semplici come bere un po’ d’acqua».  

«L’acqua a portata di mano – spiega il sindaco Bonanno – è una soluzione non solo sul piano economico ma, soprattutto, su quello ambientale. In un anno ogni bambino consuma centinaia di bottiglie in Pet. Con la propria borraccia riutilizzabile e grazie al distributore di acqua microfiltrata si riduce sensibilmente il consumo di plastica. E bere torna ad essere un gesto naturale non più inquinante».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili