Connettiti con

Politica

Al Comune ricordato Almirante, La Russa: «Intitoliamogli una via»

Pubblicato

il

incontro al comune su almirante 2 incontro al comune su almirante

di Francesca Putrino

A Biancavilla si è svolto il primo del doppio incontro previsto per “Una via per Almirante in ogni paese dell’Etna”, l’iniziativa ideata dalla fondazione “Alleanza Nazionale”, con il patrocinio dei Comuni pedemontani coinvolti, per non far passare in sordina il centenario dalla nascita dello storico segretario del Movimento Sociale Italiano.

La conferenza si è svolta all’interno dell’aula consiliare biancavillese, dove sono intervenuti il presidente della fondazione Alleanza Nazionale, Franco Mugnai, il presidente della fondazione Farefuturo e FareItalia, Adolfo Urso , l’ex sindaco di Catania, Raffaele Stancanelli, il consigliere comunale di Fratelli d’Italia, Marco Cantarella, e l’ex Ministro alla Difesa, Ignazio La Russa.

giorgio almirante

Giorgio Almirante durante un comizio

«Stiamo proponendo a tutti i Comuni di intitolare una via a Giorgio Almirante perché quest’uomo ha sempre anteposto la Nazione agli interessi di parte – ha detto La Russa – riteniamo fondamentale, con il suo esempio, trovare i modi per fornire un’alternativa reale e concreta alla sinistra di oggi».

«La figura di Giorgio Almirante – ha evidenziato ancora La Russa – ancora oggi è un esempio di coerenza, onestà e rispetto per gli avversari. È stato un grande leader, un grande oratore, una persona onesta e lineare. Intitolare strade alla sua figura è un atto doveroso e un atto di civiltà verso un politico che ha insegnato molto ai giovani e che ha ancora molto da insegnare».

Soddisfatto dell’incontro, il consigliere Marco Cantarella, che auspica l’esito positivo per la richiesta d’intitolazione della strada a Biancavilla ad Almirante.

Il secondo incontro si è svolto a piazza Cisterna, a Ragalna. Si è continuato a parlare di Almirante attraverso interventi e filmati. Per l’occasione, inoltre, è stato organizzato un concerto con le “Appassionante”, il gruppo lirico formato da un trio femminile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Antonio Bonanno rinuncia all’aumento del proprio “stipendio” di sindaco

Notevole risparmio per il Comune: la scelta ricadrà in automatico pure su tutti gli amministratori

Pubblicato

il

Una legge regionale ha aumentato le indennità di funzione dei sindaci. Un atto che ricade, a cascata, anche sugli altri amministratori (vicesindaci, assessori, presidenti del Consiglio Comunale e consiglieri).

A Biancavilla, però, il primo cittadino ha rinunciato a tale aumento di “stipendio”. Antonio Bonanno lo ha già formalmente comunicato al segretario generale. Gli uffici comunali, quindi, sono tenuti al calcolo delle “spettanze”, così come finora è avvenuto, senza ulteriori carichi per l’ente.

«La mia decisione –spiega Bonanno– è coerente con il mio primo atto da sindaco. Appena insediato, tagliai del 30% le indennità del sindaco e degli amministratori».

Il risparmio economico per il Comune di Biancavilla è in via di definizione da parte degli uffici competenti. Certo è che si tratta di somme non di poco rilievo.

«Gli effetti della rinuncia –sottolinea ancora Bonanno– portano a un notevole risparmio. L’aumento delle indennità dei sindaci ridetermina, infatti, anche il compenso massimo mensile percepibile dagli assessori, dai consiglieri comunali e dal presidente del Consiglio Comunale. Per le regioni a statuto speciale, come la Sicilia, gli aumenti sono a carico degli enti interessati. Graverebbero, cioè, sulle casse del Comune di Biancavilla e questo non possiamo permettercelo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili