Connettiti con

Cronaca

Calci, pugni e schiaffi all’anziana madre perché non gli dà i soldi: arrestato

Il racconto della donna in lacrime ai carabinieri, in manette un 44enne per maltrattamenti in famiglia

Pubblicato

il

Un 44enne è stato arrestato dai carabinieri di Biancavilla per avere picchiato la madre. È accusato di maltrattamenti in famiglia. La donna, accompagnata nella caserma di via Benedetto Croce da un conoscente, si è presentata ai militari fortemente scossa. Con le lacrime al viso ha riferito che per l’ennesima volta era stata aggredita dal figlio.

Rassicurata, la 75enne ha raccontato che era stata presa a calci, pugni e schiaffi dal figlio, oltre ad essere minacciata di morte. Il motivo? Lei si era rifiutata di consegnargli delle somme di denaro.

Episodi che si sarebbero verificati almeno 3 volte alla settimana, dapprima nei confronti di entrambi i genitori e poi, dopo la morte del padre, solo nei confronti dell’anziana madre.

I carabinieri, dopo aver nuovamente tranquillizzato la donna, affidandola poi alle cure di personale medico, sono subito intervenuti, rintracciando il 44enne seduto sul marciapiede antistante alla sua abitazione.

Gli accertamenti effettuati in casa hanno consentito di verificare effettivamente segni dell’aggressione. Nel bagno, trovato lo specchio rotto, mentre una porta del vano scale è risultata danneggiata. Da qui, l’arresto e il trasferimento nel carcere di piazza Lanza, a Catania.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Cronaca

Olio esausto all’ingresso dei seggi elettorali del plesso “Don Bosco”

Gesto vandalico o di protesta? Presidenti e scrutatori hanno dovuto attendere la pulizia del luogo

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Olio esausto sparso sulla porta e i gradini d’ingresso di uno degli edifici del plesso elementare “Don Bosco” del quartiere Cicalisi, a Biancavilla. La sostanza e la bottiglia in plastica che la conteneva sono state trovate nel padiglione B che ospitano le sezioni 16 e 17.

I presidenti e scrutatori, impegnati nelle operazioni per queste elezioni europee, avrebbero dovuto procedere con i consueti preparativi per la costituzione dei seggi. Ma non è stato possibile accedere ai locali. I funzionari del Comune hanno dovuto chiamare una ditta specializzata perché pulisse l’area.

Il fatto sarebbe accaduto con ogni probabilità questa notte. Sul gesto intenzionale non ci sono dubbi. Si tratta di capire il valore: azione vandalica o gesto politico di protesta? Certo è che chi l’ha compito ha scavalcato la recinzione del plesso scolastico (appartenente al Primo circolo didattico) per poi gettare la sostanza oleosa e lasciando a terra la bottiglia. Sul posto, è intervenuta una pattuglia della polizia locale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti