Connettiti con

Cronaca

Omicidio Longo, al via il processo d’appello per la moglie Enza

Pubblicato

il

di Vittorio Fiorenza

Al via il procedimento di secondo grado per l’uccisione di Alfio Longo, il pensionato di Biancavilla massacrato nell’agosto del 2015 dalla moglie Enza Ingrassia, a colpi di legno in testa, mentre si trovavano nella loro villetta di zona “Vigne”.

Un processo cominciato ieri mattina con la relazione introduttiva presso la prima sezione della Corte d’assise d’appello di Catania, con il collegio presieduto da Rosario Cuteri, su ricorsi presentati sia dal legale della donna, l’avv. Pilar Castiglia, che dai nipoti della vittima, assistiti dagli avv. Vincenzo Nicolosi e Fina D’Oca. La Procura generale è rappresentata da Angelo Busacca.

All’udienza non ha partecipato l’imputata, che da oltre due anni si trova rinchiusa in una “casa protetta” di Mascalucia, in attesa della sentenza definitiva. La prossima udienza è stata fissata a febbraio.

Ingrassia, in primo grado, con rito abbreviato, era stata condannata a 14 anni di reclusione dal Gup, Rosa Alba Recupido. L’inchiesta aveva fatto emergere un quadro di violenze e maltrattamenti nell’arco di quarant’anni di matrimonio. Dopo la messinscena di un assalto di sconosciuti rapinatori in casa, la donna aveva confessato: «Sì, l’ho ammazzato io, non ne potevo più». Alla fine dell’ennesima lite, mentre l’uomo era a letto che dormiva, lei lo aveva colpito ripetutamente al volto e alla testa. Le immagini dei luoghi del delitto mostrano Longo disteso sul letto con la faccia irriconoscibile e il cuscino trasformato in una pozza di sangue.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Sull’autobus Biancavilla-Adrano con 100 gr. di marijuana: arrestato 15enne

Meticolosi appostamenti degli agenti di polizia, il ragazzino aveva tutto l’occorrente per lo spaccio

Pubblicato

il

La Polizia di Stato ha arrestato un minorenne per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. È quanto è successo ad Adrano. Uomini del Commissariato di Polizia hanno sorpreso un quindicenne a bordo di un autobus di linea diretto ad Adrano, proveniente da Biancavilla.

Sospettando che il ragazzo avesse con sè sostanze stupefacenti, gli agenti hanno organizzato meticolosi appostamenti e pedinamento, volti a sorprendere il presunto giovane spacciatore.

Avuta contezza che sarebbe arrivato, a bordo di autobus, da Biancavilla, gli agenti alla fermata della stazione di quel comune sono saliti a bordo. Avvicinatisi al giovane, hanno subito avvertito un odore penetrante provenire dal suo zaino. Sospettando che si trattasse di stupefacente, hanno atteso che l’autobus arrivasse ad Adrano e che il ragazzo scendesse.

Così sceso dall’autobus, il giovane è stato bloccato e gli agenti hanno proceduto alla perquisizione dello zainetto. All’interno rinvenuti 100 grammi di marijuana, chiusa in un sacchetto in cellophane, e materiale per il confezionamento delle dosi: un bilancino di precisione, numerose bustine in plastica trasparente euna mini spillatrice per pinzettare le bustine.

Avuta pertanto la piena contezza del fatto che il giovane detenesse la marijuana non per farne uso personale bensì per spacciarla in città, si procedeva al suo arresto per il delitto di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Terminate le operazioni di fotosegnalamento presso il Commissariato, su indicazione dell’Autorità giudiziaria il minorenne è stato associato presso il Centro di prima accoglienza di Catania.

© RIPRODUZIONE RUISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili.