Connettiti con

Cronaca

Pedone viene investito sulla rotatoria da un mezzo del Comune

Pubblicato

il

rotatoria-ospedale

La vittima, trasportata al vicino ospedale “Maria Santissima Addolorata”, ha riportato ferite alla testa. I rilievi sono stati compiuti dalla polizia municipale.

 

di Vittorio Fiorenza

Forse una distrazione da parte del pedone. Oppure del conducente del camion. Accertamenti sono ancora in corso da parte dei vigili urbani. Fatto sta che un 60enne è stato investito da un mezzo del Comune di Biancavilla nella rotatoria di viale Cristoforo Colombo, vicina all’ospedale “Maria Santissima Addolorata”.

L’uomo, caduto dopo l’impatto con l’autobotte comunale, all’altezza di via Guglielmo Marconi, ha riportato un trauma cranico e ferite sanguinanti alla fronte. Per questo, pur restando cosciente ma confuso, è stato trasportato con un’ambulanza del servizio del 118 al vicino pronto soccorso.

Sul posto, la polizia municipale. Essendo stato coinvolto un veicolo del Comune, per evitare eventuali conflitti di interesse, gli agenti hanno allertato i carabinieri della locale stazione per potere procedere ai rilievi. Ma i militari erano impegnati in altre attività di servizio ed inevitabilmente sono stati i vigili urbani biancavillesi ad intervenire, compiendo le misurazioni e acquisendo le dichiarazioni del dipendente comunale che era alla guida del camion.

Rallentamenti si sono registrati per la viabilità, in un punto che è nevralgico per il traffico veicolare del centro etneo.

Il mezzo del Comune è stato poi chiuso in deposito, a disposizione della polizia municipale, nell’attesa che i medici stabilissero la prognosi per la persona che è stata investita. Prognosi che, fino a ieri sera alle ore 19, non era stata ancora indicata al comando dei vigili urbani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Omicidio a Biancavilla: la vittima è Antonio Andolfi di appena 20 anni

C’è un fermo da parte dei carabinieri, il movente sarebbe legato a “questioni di pascolo”

Pubblicato

il

Un giovane di Biancavilla, Antonio Andolfi, di appena 20 anni, compiuti lo scorso 15 luglio, è morto a seguito di ferite da arma da fuoco.

Già fermato il presunto omicida: si tratta di un pastore. Il movente, secondo fonti investigative, sarebbe legato a «questioni di pascolo». La pista seguita dai militari quindi è quella della sfera personale, escludendo collegamenti con la criminalità organizzata.

Conoscenti avrebbero trasportato la vittima al pronto soccorso dell’ospedale “Maria Santissima Addolorata”, ma non c’è stato nulla da fare. Il giovane era già morto durante il tragitto.

Sul fatto, indagano i carabinieri della compagnia di Paternò e della stazione di Biancavilla. I militari hanno già ricostruito le fasi di quanto accaduto. Per il presunto omicida si attende la convalida del fermo da parte del Gip.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere
Pubblicità

DOSSIER MAFIA

I più letti