Connettiti con

Politica

La Corte dei conti boccia il Comune «Gestione finanziaria non sana»

Pubblicato

il

corte-dei-conti

La sede della sezione siciliana della Corte dei conti

ESCLUSIVO. Un lungo elenco di criticità, violazioni, inadempienze viene contestato dai magistrati contabili: incapacità a riscuotere i tributi, anticipazioni di cassa irregolari, spese inutili su servizi esterni, incarichi, contenziosi. Ora tocca al Consiglio Comunale riparare.

di Vittorio Fiorenza

Se fossero degli studenti di economia, gli amministratori comunali non avrebbero scampo. A leggere le considerazioni, i giudizi, i rilievi e le osservazioni contenuti in 40 pagine di due distinte deliberazioni della sezione siciliana della Corte dei conti sulla prassi gestionale e programmatica e sull’operato contabile-finanziario del Comune di Biancavilla, la bocciatura sarebbe inevitabile.

Perché sì, senza giri di parole, di bocciatura si tratta, visto che i magistrati contabili stendono lunghi elenchi di criticità sulle azioni ed il modus operandi dell’amministrazione guidata dal sindaco Glorioso: dalla riscossione dei tributi al ricorso alle anticipazioni di cassa, dagli affidamenti diretti agli incarichi esterni, dalla mancanza di un piano di sviluppo all’eccesso di spesa per i contenziosi.

Certo, altri comuni si trovano nella stessa situazione e i continui tagli ai trasferimenti rendono difficile la vita di tanti amministratori locali. Ma la Corte non è né vaga né generica e fa riferimento a “specificità” biancavillesi che, tra le righe, fuori dal rigore e dall’equilibrio formale dei magistrati della sede giudiziaria palermitana, chiamano in causa scelte politiche ed oggettive incapacità gestionali che ora devono essere in tutta fretta rivedute e corrette dal Consiglio Comunale.

La materia esaminata a Palermo, in una seduta presieduta da Maurizio Graffeo, è quella del rendiconto 2012 e della regolarità dell’attività gestionale e dei controlli interni.

Quelle “ordinarie” anticipazioni di cassa
In riferimento al rendiconto, la Corte dei conti elenca otto criticità. Innanzitutto, l’atto è stato approvato con notevole ritardo e la giustificazione legata allo svolgimento delle elezioni amministrative del 2013 non ammorbidisce le contestazioni dei magistrati, secondo cui si tratta di «una irregolarità non certamente sanabile».

L’ampia rassegna di violazioni di norme, “mancati rispetti” e inadempienze continua con la segnalazione di «un significativo squilibrio tra le entrate e le spese correnti aventi carattere non ripetitivo con un saldo di oltre un milione di euro» e anche in questo caso le risposte fornite dal Comune non hanno soddisfatto.

Contrariamente alle disposizioni e agli orientamenti di legge che obbligano alla straordinarietà delle anticipazioni di cassa, a Biancavilla è un fatto consueto. Negli atti dei magistrati viene messo in evidenza: «il frequente ricorso alle anticipazioni di cassa e la presenza di anticipazioni non rimborsate pari all’11,94% delle entrate correnti, ben oltre il parametro obiettivo previsto per gli enti strutturalmente deficitari (5%) nonché il presumibile utilizzo di entrate a specifica destinazione non ricostituite a fine esercizio». In questo modo, lo scoperto così determinato è stato di 1,6 milioni di euro.

Incapaci a riscuotere i tributi
Altro aspetto deficitario dell’amministrazione a guida Glorioso è l’incapacità a riscuotere i tributi e a contrastare l’evasione, quasi un rimprovero per una sorta di politica dell’impunità nei confronti dei “furbi”. Pure per questo aspetto, le “giustificazioni” dell’amministrazione non convincono. «Si è solo comunicato –si lamenta in una delle due deliberazione dei magistrati– l’invio di avvisi di accertamento relativi alla riscossione tributi».

Non solo: «Nell’esercizio 2012 risulta svolta solo attività relativa all’Ici/Imu con accertamenti pari a 680mila euro e riscossioni pari a circa 30mila euro, in assenza di attività di recupero riferita ad altri tributi. Risulta evidente la necessità di un’azione volta ad una migliore organizzazione dei servizi interessati preordinata al necessario recupero di efficienza in grado di assicurare le necessarie risorse all’ente».

Bilancio “inquinato” dai residui attivi
Secondo i rilievi mossi al Comune, poi, vi è una grossa presenza di residui attivi, che è da considerare un elemento “inquinante” dei conti pubblici, dal momento che si tratta di somme inserite in bilancio ma che difficilmente potranno finire effettivamente nelle casse comunali.

«L’ente –viene specificano meglio– conserva in bilancio residui attivi, relativi ad annualità antecedenti al 2008, di ammontare quasi 4 milioni di euro. Superano soglie percentuali prefissate da decreti ministeriali».

Spese inutili ed incarichi esterni
Altra criticità «riguarda il mancato rispetto delle indicazioni di legge sul corretto utilizzo dei servizi conto terzi: ci sono singole voci che hanno come comune denominatore l’assenza di interesse per l’ente». Nell’atto della Corte dei conti viene evidenziato: «L’imputazione non corretta di talune voci tra i servizi conto terzi con particolare riferimento a cantieri lavoro, bonus nascituro, contributo compartecipazione gita anziani, Tarsu/Tia istituzioni scolastiche con la conseguente necessità di ricalcolo dei dati per verificare il rispetto del patto di stabilità tenuto conto che la differenza tra il saldo finanziario ed il saldo obiettivo finale ammonta a 16mila euro».

Infine, un’ultima bacchettata dei magistrati nelle mani degli amministratori comunali sul capitolo degli incarichi esterni (aspetto che implica una serie di discussioni di carattere politico), il cui limite non è stato rispettato, nonostante rappresenti un preciso vincolo di legge. Normativa che, nello specifico, obbligava «di avvalersi di personale a tempo determinato con convenzioni o co.co.co imposto al 50% della spesa rispetto al 2009».

Piano di sviluppo inesistente
Sono tutte osservazioni critiche che i magistrati contabili confermano poi in un’altra deliberazione che ha preso in esame la relazione semestrale del sindaco e ha verificato la legittimità e la regolarità sulla gestione finanziaria e l’efficacia sui controlli interni. Anche in questo caso, arrivano stoccate al Comune di Biancavilla.

Innanzitutto, nonostante le prescrizioni di legge, l’amministrazione Glorioso non ha dotato l’ente di un piano generale di sviluppo. Non solo: manca un modello di programmazione e controllo integrato. In materia gestionale, viene confermato l’appunto sul basso grado di riscossione delle entrate rispetto alle previsioni. C’è, inoltre, un grado di riscossione non idoneo all’equilibrio di cassa e viene evidenziata pure «una irregolare riscossione di proventi connessi alla gestione patrimoniale».

Servizi esterni senza risparmio e liti legali dispendiose
Le défaillance più clamorose riguardano il capitolo della spesa. Sui servizi esternalizzati, manca una valutazione di convenienza economica rispetto alla gestione diretta, così il Comune ha rinunciato al risparmio a vantaggio dell’ente. In altre parole, secondo la Corte dei conti, l’amministrazione Glorioso preferisce affidare all’esterno i servizi, quando in realtà potrebbe gestirli direttamente con notevole risparmio.

C’è, poi, un elevato numero di affidamenti diretti (95, di cui 60 dell’area tecnica). Contestato il basso grado di realizzazione del Piano triennale delle opere pubbliche. Evidenziata una elevata percentuale di giudizi che hanno comportato oneri per l’ente: «Un atteggiamento prudenziale renderebbe opportuno per l’ente monitorare costantemente il contenzioso esistente». Un aspetto, quest’ultimo, che implica osservazioni politiche circa l’allegra prassi e i criteri di scelta nell’affidamento di incarichi legali, di cui spesso si rendono protagonisti le amministrazioni comunali.

Le amare conclusioni
Per tutte queste criticità, la Corte dei conti si è rivolta quindi al Consiglio Comunale «ai fini dell’adozione delle necessarie misure correttive» e al fine della «riconduzione entro i parametri della sana gestione finanziaria delle irregolarità accertate». Perché sì, la gestione non è stata finora né sana né regolare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

È morto Carmelo Randazzo: fu protagonista con il sindaco Manna

Più volte consigliere ed assessore, divenne “vice” nella Giunta del primo cittadino diessino

Pubblicato

il

È morto Carmelo Randazzo, politico ed ex amministratore comunale di Biancavilla. Aveva 60 anni. Si è spento dopo una lunga malattia.

I suoi primi passi in politica risalgono al periodo a cavallo tra gli anni ’80 e ’90, all’interno della Democrazia Cristiana. Poi, il proseguimento dell’impegno politico nel Partito Popolare. È stato più volte consigliere comunale ed assessore.

L’apice della sua attività pubblica coincide con l’esperienza dell’amministrazione del diessino Pietro Manna. Da oppositore, in prima battuta, di Manna ne divenne in seguito valido sostenitore. Tra i due si consolidò, soprattutto nella seconda esperienza amministrativa, un rapporto di amicizia e affiatamento politico, al punto che Randazzo fu nominato vicesindaco. Conclusa l’esperienza con Manna, si candidò a primo cittadino.

Le sue posizioni politiche in anni più recenti hanno coinciso con quelle di Forza Italia. L’atteggiamento che ha contraddistinto Randazzo è stato quello del pragmatismo, affiancato ad una predisposizione alla moderazione, al dialogo e alla conciliazione.

Le parole commosse di Pietro Manna

Parole commosse sono state scritte dall’ex sindaco Manna, appena avuta notizia della morte di Randazzo. Scrive Manna sul proprio profilo Facebook: «Ciao Carmelo. Hai combattuto con serenità e dignità, sostenuto dall’affetto dei tuoi cari, la tua battaglia contro un nemico crudele. Sei stato il mio amico di sempre e per sempre. Siamo stati vicini in tante vicissitudini della nostre esperienze politiche e non. Ho potuto apprezzare la tua lealtà, la tua onestà, la voglia di metterti sempre al servizio degli altri, la tua serenità nell’affrontare i problemi. In politica, come nella vita, è difficile trovare degli amici. Tu lo sei stato anche quando la mia stella è tramontata nell’orizzonte della nostra Biancavilla. Scusami se non ti sono stato vicino come avrei voluto in questi ultimi giorni. Non pensavo e non accettavo che il tuo volo fosse così imminente. Un abbraccio ai tuoi cari».

Il cordoglio del sindaco Antonio Bonanno

«Apprendo con immensa tristezza la notizia della morte di Carmelo Randazzo, ex vice sindaco di Biancavilla, mio amico. Sono profondamente addolorato per la scomparsa di una persona cara che ha sempre dimostrato di amare la propria città. Grazie alla sua esperienza di amministratore non mi ha mai fatto mancare consigli e suggerimenti sempre improntati alla saggezza. La città perde un figlio degnissimo che ha dimostrato grande dignità anche nell’affrontare la malattia. Alla sua famiglia il mio abbraccio più caro assieme a quello di tutta la città».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili