Connettiti con

Cronaca

«Mi ammazzo, non ce la faccio più» Salvato dai carabinieri in extremis

Pubblicato

il

Ore di angoscia per un 30enne che aveva minacciato il suicidio per l’ennesimo diverbio con il padre. Poi, l’intervento dei militari, che lo riaccompagnano dai suoi cari e lo fanno riconciliare con il genitore. 

 

di Vittorio Fiorenza

«Mi ammazzo». Lo ha detto ai suoi familiari e ha fatto perdere le sue tracce. Per un 30enne di Biancavilla sono stati interminabili momenti di grande apprensione. Si deve ai carabinieri del centro etneo, che si sono messi subito alla ricerca, se il giovane sia stato persuaso a non compiere gesti estremi. Grazie all’intervento dei militari, che si sono posti di fronte alla vicenda con la dovuta delicatezza e con sensibilità umana, la cronaca che vi raccontiamo non ha avuto un tragico epilogo.

Secondo i dettagli raccolti da Biancavilla Oggi, tutto è scaturito dall’ennesimo diverbio, domenica sera, tra il protagonista di questa storia ed il padre. Contrasti che, a quanto pare, sono dovuti a diversi modi di vedere le cose, a cominciare dal rapporto che il giovane ha instaurato da qualche tempo con una donna che ha una storia familiare alle spalle, essendo separata dal marito e vivendo con i figli. Rapporto non visto bene e quindi contrastato dal genitore, che viene descritto come persona onesta, un padre lavoratore, ma con una “mentalità all’antica”.

Preso dallo sconforto e dalla rassegnazione, quindi, al culmine di una situazione ritenuta non più sostenibile, il 30enne si è allontanato da casa e alla sorella, nell’ultimo contatto telefonico avuto, ha detto chiaramente quale fosse il suo intento: «Mi ammazzo».

Comprensibile, quindi, la preoccupazione che quelle parole hanno suscitato in chi le ha ascoltate e che ha fortemente temuto che quei contrasti in famiglia potessero degenerare fino ad un punto di non ritorno. Da qui, dunque, la drammatica richiesta di aiuto rivolta ai carabinieri di Biancavilla, che si sono prontati immediatamente, tutti quelli che erano disponibili, attivando le ricerche sia in diverse zone del paese che fuori dall’abitato. A dare una mano sono stati anche alcuni familiari e parenti dello stesso ragazzo, mentre a casa è stata vissuta un’interminabile ed angosciante attesa.

Dopo alcune ore, i militari hanno rintracciato il giovane, in evidente stato confusionale, in una zona di campagna, poco più a sud del paese. Camminava a piedi, sul ciglio della strada. Alla vista dei carabinieri ha tentato di nascondersi, poi i primi approcci di dialogo: «Basta, la voglio fare finita, non ce la faccio più».

È stata una corsa contro il tempo. Il 30enne era fuori di sé: aveva già scelto ed individuato il luogo in cui si sarebbe suicidato. Una volta rincuorato e confortato, ha confessato ai carabinieri che se non fossero arrivati loro, avrebbe certamente compiuto quel gesto estremo, probabilmente –come avrebbe fatto intuire– con una corda al collo. Intento fortunatamente interrotto, grazie all’intervento e ai toni rassicuranti dei carabinieri.

Ma i militari non hanno finito lì il loro compito. Già, perché, dopo un primo passaggio dalla stazione di via Benedetto Croce per le dovute formalità, hanno accompagnato il giovane a casa sua per potere essere riabbracciato dai suoi cari e si sono intrattenuti fino a notte fonda a parlare con il padre, riuscendo a farlo conciliare con il figlio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

In casa aveva 600 dosi di marijuana: arrestato un giovane di Biancavilla

La polizia di Adrano durante la perquisizione ha rinvenuto pure un fucile e munizioni

Pubblicato

il

Continua l’attività della Polizia di Stato per il contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti. Nel comune di Biancavilla, i poliziotti del Commissariato di Adrano hanno arrestato un giovane residente di 22 anni, con vari precedenti di polizia, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente nonché per detenzione di arma da fuoco clandestina e delle relative munizioni. 

Gli operatori di polizia da tempo sospettavano che l’uomo potesse detenere all’interno della propria abitazione della sostanza stupefacente, quindi, nel pomeriggio del primo febbraio, gli agenti predisponevano un mirato servizio di appostamento finalizzato ad accertare la fondatezza di tale sospetto. Avuta contezza che l’uomo si trovasse all’interno della propria abitazione, i poliziotti decidevano di accedervi e di procedere alla perquisizione di tutti i locali di sua pertinenza. 

All’interno del garage, i poliziotti rinvenivano diverse buste contenenti più di 600 involucri di marijuana. Dette dosi erano pronte per essere immesse sulla piazza di spaccio di Biancavilla. Procedendo nella perquisizione, i poliziotti rinvenivano, occultato all’interno di una scatola, un fucile a doppia canna, calibro 16, con matricola abrasa;dentro la stessa scatola erano contenute anche 16 cartucce di cui due già inserite e pronte a essere esplose.

La perquisizione portava inoltre al rinvenimento di 3 bilancini di precisione, di quelli utilizzati per pesare la quantità di sostanza stupefacente necessaria per il confezionamento delle singole dosi e materiale per il confezionamento dellamarijuana.

Il biancavillese veniva condotto in Commissariato in stato di arresto per le necessarie operazioni di identificazione; da qui, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, veniva condotto presso Casa circondariale “Piazza Lanza” di Catania.

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili.