Connettiti con

Politica

Nuova tassa da 1 milione di euro: ok dal Consiglio, sfiorata la rissa

Pubblicato

il

di Vittorio Fiorenza

Fa la sua comparsa a Biancavilla una nuova tassa. Si chiama Tasi e va pagata in due rate: la prima entro il 16 ottobre, la seconda a dicembre. In base alle previsioni dell’amministrazione comunale, dovrebbe produrre, con l’1,30 per mille di aliquota che è stata stabilita, un gettito nelle casse municipali di circa un milione di euro. Servirà a coprire il 50% delle spese per i cosiddetti “servizi indivisibili”, ovvero quelli per l’illuminazione pubblica, la manutenzione delle strade, il verde pubblico e parte dei servizi sociali. Il calcolo per le famiglie biancavillesi si farà in base alla rendita catastale degli immobili. Ecco perché viene indicata come una sorta di seconda Imu.

La sua istituzione (che si affianca quindi all’aumento dell’aliquota Imu e all’introduzione dell’addizionale Irpef decisi l’anno scorso) è stata proposta dall’amministrazione Glorioso e, arrivata in Aula, è stata approvata dai 13 consiglieri di maggioranza, mentre gli esponenti della minoranza di Centrodestra sono usciti, non partecipando al voto.

Nel corso dei lavori sono stati anche approvati anche il Piano Finanziario e le tariffe della Tari (ovvero la tassa sul servizio di raccolta e gestione dei rifiuti solidi urbani) per il 2014, il cui acconto è stato già chiesto nei mesi scorsi ai contribuenti biancavillesi.

È stata una seduta consiliare infiammata. Un paio di volte il presidente Dino Furnari l’ha dovuta sospendere. Ci sono stati toni molto sostenuti, anche a margine dei lavori consiliari, nei corridoi del palazzo comunale. “Pecoroni”, “traditori”, “sciauni”, sono soltanto alcuni dei termini che hanno animato il dibattito, per così dire, politico e con cui si è scritta senz’altro la pagina meno edificante dell’intera consiliatura.

I protagonisti di episodi polemici sono stati soprattutto i consiglieri Mario Amato, Salvatore Giuffrida e Pippo Salvà, con questi ultimi due (entrambi di maggioranza), che non se le sono mandate a dire. Anche fuori dall’aula si è letteralmente sfiorata la rissa e c’è chi si è messo in mezzo per evitare il contatto fisico.

La materia del contendere, seppure “inquinata” da asti e questioni personali tra consiglieri, era la Tasi. Per evitare la sua istituzione (così come è avvenuto in altri comuni, che hanno stabilito un’aliquota pari a zero), le tre forze di opposizione (Forza Italia, Fratelli d’Italia e Nuovo Centrodestra) avevano inviato al sindaco Giuseppe Glorioso una lettera con l’intento di rinviare la seduta consiliare e soprattutto potere istituire un tavolo tecnico-politico (allargato quindi anche ai coordinatori e segretari di tutti i partiti), in cui individuare il taglio di una serie di spese e studiare misure per determinare nuove entrate, senza comunque incidere sulle tasche dei cittadini, già con l’acqua alla gola per la crisi asfissiante e una pressione fiscale al limite della sopportazione. Ma la proposta non è stata accolta dal primo cittadino.

«L’opposizione vuole azzerare i servizi essenziali»
«È stato sventato –ha spiegato Glorioso– il tentativo del Centrodestra di Biancavilla di azzerare le risorse necessarie per continuare a garantire i servizi sociali che la nostra città riesce ancora a portare avanti, fra i pochi Comuni in Sicilia. Dal Centrodestra mi sarei aspettato un’azione forte e congiunta contro le imposte, come la Tasi, introdotte e applicate dal Governo nazionale o, ancora, contro i tagli indiscriminati di Roma e Palermo che, quest’anno, hanno tagliato oltre 1 milione e 213 mila euro, rispetto al 2013. Invece, per loro è più comodo prendersela con il sindaco, facendo demagogia. Infatti, mi spiace constare –sottolinea ancora il primo cittadino– come il Centrodestra sia giunto in Consiglio Comunale senza avere alcuna idea, senza alcuna proposta alternativa per indicare la copertura finanziaria per garantire i servizi alla persona. O, forse, il Centrodestra voleva tutelare le fasce più agiate e cancellare realmente il trasporto scolastico dei nostri ragazzi, i buoni libro, l’assistenza scolastica ai disabili, gli aiuti ai nuclei familiari indigenti, l’assistenza agli anziani, l’assistenza domiciliare ai disabili». Poi il sindaco si rivolge alla sua coalizione (da registrare l’abbandono di Giuseppe Petralia del gruppo CittAttiva per ricostituire “Biancavilla nel cuore”): «Ringrazio la Maggioranza che, in modo compatto e coeso, ha ribadito di voler tutelare tutti i cittadini, a cominciare da chi si trova in difficoltà e chiede un aiuto alla comunità, impedendo il tentativo fallito del Centrodestra di alimentare una disparità sociale».

«Glorioso ha dilapidato tutto, ora pagano i cittadini»
Ma i consiglieri di Forza Italia, Fratelli d’Italia e Nuovo Centrodestra raccontano tutta un’altra versione dei fatti e delle intenzioni: «Nella nostra richiesta di incontro inviata a tutte le forze politiche presenti in consiglio, non emergeva alcuna proposta di tagliare risorse per il trasporto scolastico, per i buoni libri, per il ricovero anziani e minori, interventi di sicurezza nelle scuole , assistenza anziani e quant’altro. Il sindaco voleva sapere dal centrodestra da dove reperire le risorse per coprire detti servizi dimenticando che lui e il centro-sinistra governa da oltre sei anni la nostra città, le risorse le ha avute col bilancio in attivo lasciato dall’amministrazione di centrodestra, ma purtroppo sono state dilapidate dalla sua amministrazione nel corso di questi anni con scelte scellerate che hanno indebitato il nostro comune per anni (vedi accensione mutui). Adesso incredibilmente chiedeva al centro-destra di trovare le risorse, dimenticando di non avere mai accolto nessuna nostra proposta tesa a razionalizzare le spese inutili, proprio per garantire i servizi essenziali ai nostri cittadini. Non accettiamo né la provocazione né il populismo del sindaco, volevamo solo evitare che a pagare l’incapacità amministrativa di Glorioso fossero i cittadini già costretti a pagare nel corso del 2014 l’aumento Imu e la nuova addizionale Irpef. Ed ora, come se non bastasse, si chiede di pagare una nuova tassa con l’importo complessivo pari a un milione di euro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Addio alla plastica, in tre scuole di Biancavilla erogatori d’acqua ecologici

Agli alunni consegnati pure borracce per eliminare quintali di bottiglie altamente inquinanti

Pubblicato

il

Nell’ambito del progetto denominato “L’acqua che fa a scuola”, finalizzato a ridurre il consumo di bottiglie di plastica, in tre scuole di Biancavilla sono stati inaugurati oggi altrettanti distributori di acqua. L’iniziativa è della società S.T.E.I. – Soluzioni e Tecnologie per l’Ecocompatibilità ed Inclusione – in collaborazione con l’amministrazione comunale.

I tre erogatori sono stati installati nell’Istituto comprensivo “Antonio Bruno”, nel plesso “San Giovanni Bosco” e nella scuola “Giovanni Verga”. Ai ragazzi è stata consegnata una borraccia che, d’ora in poi, prenderà il posto delle inquinanti bottigliette di plastica.

All’inaugurazione hanno partecipato il sindaco Antonio Bonanno, l’assessore alla Pubblica Istruzione, Luigi D’Asero, il presidente del Consiglio Comunale, Martina Salvà, il presidente della S.T.E.I., Pier Casolari, e il responsabile del progetto S.T.E.I., Giuseppe Lazzaro.

Erogatori e borracce sono stati finanziati grazie al contributo di aziende locali che hanno accolto con entusiasmo l’iniziativa nel segno dell’ecologia. I rappresentanti delle aziende sponsor, presenti all’inaugurazione, hanno ricevuto i ringraziamenti dai promotori dell’iniziativa.

«Una classe – osserva l’assessore D’Asero – può consumare in un anno circa 700 kg di plastica soltanto per dissetarsi e ricorrere alle classiche bottigliette. Educare i giovani studenti ad un utilizzo ecosostenibile delle nostre risorse è il primo passo verso un approccio ecologico della nostra vita, a partire dalle cose più semplici come bere un po’ d’acqua».  

«L’acqua a portata di mano – spiega il sindaco Bonanno – è una soluzione non solo sul piano economico ma, soprattutto, su quello ambientale. In un anno ogni bambino consuma centinaia di bottiglie in Pet. Con la propria borraccia riutilizzabile e grazie al distributore di acqua microfiltrata si riduce sensibilmente il consumo di plastica. E bere torna ad essere un gesto naturale non più inquinante».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili