11122017GOODNEWS:

Valle del Simeto a rischio, Pogliese: «Trivelle e impianti rifiuti? Una follia»

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

«Costruire impianti per il trattamento rifiuti e installare trivelle per la ricerca di idrocarburi nel cuore di un’area agricola d’eccellenza qual è la valle del Simeto, dove esistono aziende agroalimentari che danno lavoro a centinaia di persone, ed esportano i loro prodotti, molti dei quali con certificazione Igp e Dop, in tutta Italia ed Europa, è una decisione che rasenta la follia e costituisce un colpo mortale per l’agricoltura dell’intera zona».

Lo denuncia Salvo Pogliese, coordinatore provinciale ed europarlamentare di Forza Italia, con riferimento alle prime perforazioni iniziate nella valle del Simeto per sondare la presenza di idrocarburi, primo passo di un piano che prevede l’installazione di trivelle e che ‘va a braccetto’ con la decisione di creare due mega impianti di trattamento dei rifiuti nella vicina zona di Rinazze a Biancavilla.

«Nelle settimane scorse ho incontrato, insieme ad Antonio Bonanno, il primo a sollevare il problema, e al vicepresidente della Regione Gaetano Armao, i rappresentanti del “Comitato Rinazze”, per esprimere loro il mio concreto supporto contro una scellerata decisione che snaturerà profondamente l’intero territorio. Non è accettabile la trasformazione di una zona di agricoltura di qualità, e distretto Bio d’Europa, in una discarica maleodorante. C’è l’inaccettabile rischio che in una zona, dove si producono alimenti tra i più pregiati di Sicilia, a causa di trivelle e inceneritori, si perdano le certificazioni Igp e Dop con tutti i contraccolpi che un’evenienza del genere avrebbe per aziende e lavoratori».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

INVIA IL COMMENTO