Connect with us

Editoriali

Il condannato infastidito dalla verità «È la stampa, bellezza! La stampa»

Pubblicato

il

giuseppe-furnari

di Vittorio Fiorenza

Logo Editoriale

In questo articolo che dà conto della condanna di Giuseppe Furnari (come altri 36 suoi ex colleghi di Palazzo Minoriti) per l’inchiesta delle cosiddette “spese pazze” alla Provincia di Catania, abbiamo raccontato, per onorare un sacrosanto dovere di cronaca, fatti di interesse pubblico, di cui i biancavillesi devono avere conoscenza. Prima di farlo abbiamo letto le 156 pagine della sentenza della Corte dei conti e ci siamo attenuti a quanto riportato nel pronunciamento dei giudici. Senza nulla togliere, senza nulla aggiungere.

Abbiamo fatto il nostro lavoro di cronisti liberi, come hanno fatto altri colleghi, anche se non hanno fornito gli stessi, nutriti dettagli che ha pubblicato Biancavilla Oggi. La censura e l’occultamento dei fatti li lasciamo ai servi di regime. Il diretto interessato si è sentito infastidito e irritato dal racconto della verità giudiziaria e ha azionato nei nostri confronti la solita macchinetta del fango. Tranquilli: siamo impermeabili. Lo comprendiamo, sul piano umano. E anche sul piano politico, dal momento che persino i bambini di Biancavilla sono a conoscenze delle sue ambizioni di fare il sindaco. Ma non per questo è titolato a denigrare e insultare chi scrive con rigore deontologico la verità contenuta nella sentenza.

Di certo, negli anni, non ci siamo fatti scombussolare da telefonate e da “messaggi” di mafiosi o dalle minacce di qualche malandrino, familiare di chi mostra permalosità e intolleranza (tutto riferito ai carabinieri). Figurarsi se ci facciamo intimidire da qualche reazione intestinale o da annunci di querela (per cosa poi, per avere riportato una notizia vera, verificata e verificabile?).

La condanna (definitiva) non ce la siamo inventati noi e il condannato non può cancellarla, mascherandola e offuscandola populisticamente con i successi calcistici della squadra di cui è presidente. Un vano e disperato tentativo di distrazione di massa. È la Casta che si autoassolve e che scoppia come popcorn quando viene urtata.

Ci fa pena, poi, chi esprime, con viscidissimo interesse, stima per i risultati sportivi, ma non emette alito per una grave, gravissima sentenza, pronunciata in nome del popolo italiano.

Beiamoci per una partitella domenicale e infischiamocene della cultura della legalità, del senso civico e dell’etica pubblica calpestati ogni giorno a Biancavilla, senza ritegno alcuno e senza precedenti simili. Vergogna: quanta miseria culturale ed intellettuale! Sono questi aspetti che infangano l’immagine della nostra Biancavilla, non la puntuale e coraggiosa attività di cronaca e di denuncia.

Siamo impegnati quotidianamente a raccontare la realtà biancavillese, nella sua articolata complessità. La sua parte deteriore, degradata e scandalosa. La sua parte migliore, costituita da giovani intraprendenti e meritevoli, sano volontariato, scuole in prima linea e parrocchie che suppliscono ai vuoti del Comune. Di notizie belle e positive che esaltano la nostra Biancavilla ne abbiamo pubblicate a centinaia, raggruppate nella rubrica “GoodNews”. Ma –mettetevelo nella testolina– non siamo né promoter pubblicitari né funzionari dell’Istituto Luce comunale.

Facciamo informazione giornalistica, senza riverenze ed ossequi, senza padroni o padrini, e quindi le nostre materie prime, per dovere costituzionale della nostra professione, sono la cronaca, i fatti di mafia e la deriva morale e politica di questa città decapitata e senza guida. Capiamo perfettamente che certa classe dirigente desidererebbe il silenzio, l’omertà, l’indifferenza, la censura e l’informazione infiocchettata e glorificatrice. Ci impegniamo con tutte le nostre energie per deludere questi “settori deviati”. Per questo nostro lavoro, ci conforta avere una ricca collezione di attestati di stima di magistrati e di rappresentanti delle forze dell’ordine. E di semplici cittadini, che ogni giorno ci leggono a migliaia.

Forse è proprio il vastissimo successo di diffusione di Biancavilla Oggi, senza possibilità di paragoni, che crea timori in coloro che vorrebbero mettere la museruola all’informazione. Si rassegnino lor signori: non ci riuscirete con noi. Mai e poi mai. Non siamo in vendita, non corromperete la nostra libertà ed intransigenza. Pazienza se, da destra a sinistra, certi politici poco devoti alla libertà di stampa ci detestino: è una medaglia che ci mettiamo al petto e la esibiamo con grande orgoglio.

A Giuseppe Furnari, l’augurio sincero, sentito e non provocatorio di trovare serenità d’animo e compostezza politica.

Ai lettori di Biancavilla Oggi, una sola promessa. La solita. Siamo stati, siamo e saremo sempre “L’Altra informazione”: cani da guardia e non da compagnia. È il nostro manifesto editoriale, dal quale non ci discostiamo nemmeno di un millimetro.

giuseppe-furnari-elezioni

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
24 Commenti

24 Commenti

  1. Djanco

    5 Novembre 2016 at 18:28

    Goduria pura.
    Complimenti davvero per tenere in vita questa piccola fiammella di speranza di vivacità ed interesse della cosa pubblica.
    La classe dirigenziale vecchia va spazzata via assieme ai suoi nuovi scagnozzi.

  2. Anselmo

    2 Novembre 2016 at 23:25

    Quindi la triade Giuseppe Furnari, Dino Laudani, Giuseppe Pappalardo perde il primo pezzo? Forse che era il meno peggio visto gli altri due.

  3. tino

    28 Ottobre 2016 at 21:10

    Che amara tristezza, nell’apprendere che il denaro della pubblica amministrazione venga gestito malamente, (e pensare che fatica per le povere classe sociali a poter pagare le tasse).

    ovviamente l’informazione e il primo strumento per andare avanti.

  4. vito

    26 Ottobre 2016 at 17:30

    Complimenti per l’articolo, chiaro e veritiero, non ci si può arrabbiare per aver pubblicato il contenuto di una sentenza, le sentenze sono atti pubblici e come tali possono essere portati a conoscenza di tutti.Per favore la vogliamo finire con questa farsa della squadra di calcio e del sociale??vogliamo proporre per la beatificazione tutti i presidenti delle squadrette di paese perchè offrono un servizio alla comunità?ma davvero nel 2016 qualcuno crede che la gente si lasci sviare così facilmente da ignorare un fatto gravissimo solo perchè si è presidenti di una squadra di pallone? il discorso è un altro…in una probabile candidatura a sindaco candidatura ormai sfumata) affidereste il vostro paese a qualcuno che è stato condannato alla provincia per aver sperperato i soldi pubblici solo perchè è un bravo presidente di calcio, senza temere che faccia lo stesso con i soldi dei cittadini? ognuno ragioni secondo coscienza

  5. Salvo Stimoli

    26 Ottobre 2016 at 12:41

    Ciao Vittorio, sbaglio o la permalosità di Giuseppe Furnari ha superato quella di Mario Cantarella e Pippo Glorioso? Non oso immaginare che farà se diventerà (spero di no) sindaco. Fai come hai fatto sempre, fregatene di questi politici piccoli piccoli e continua a distinguerti dai tuoi colleghi. Sei l’unico che fa informazione libera, gli altri suonano i violini e incensano i politici e sappiamo perché. Solidarietà massima a te e a Biancavilla Oggi.
    PS Ti devo un caffè, non me ne sono dimenticato.

  6. Francesco

    25 Ottobre 2016 at 20:27

    Si sta facendo passare l’Avv. Furnari come un condannato penale e ciò si relive dai commenti di questo post che il giornalista ha pilotato con il suo scritto.
    L’Avv. Giuseppe Furnari è stato condannato dalla Corte dei Conti, assieme a tutti i componenti dello scorso consiglio provinciale, perchè alcune spese autorizzate da tre funzionari sono state ritenute, anche se legittime, non dovute a fini istituzionali (manifesti, locadinde e biglietti di auguri). C’è differenza fra una condanna penale ed una risarcitaria da parte della Corte dei Conti per poco più di € 6.000,00. Chi ha rappresentato le istituzioni non è stato raro di incappare nella Corte dei Conti che non guarda la legittimità di una spesa (quella riguarda la magistratura ordinaria o penale che sia) ma l’interesse che ha l’ente della spesa effettuata e la finalità istituzionale. Si precisa che nessun rimborso è stato dato all’Avv. Furnari, come per altro agli altri consiglieri provinciali, ma autorizzazioni preventive alla spesa. Appare evidente che c’è più responsabilità da parte di chi preventivamente autorizzò la spesa (gente pagata dalla collettività) che di chi autorizzato ha effettuato la spesa. Infine mi chiedo quali sono le lagnanze da parte del giornalista e ripetute nei commenti di questo blog su chi voglia mettere dei bavagli e a chi? Avete percaso letto articoli dell’Avv. Furnari o interviste che parlano di ciò o sono pure fantasie difensive e preventive di crede che forse l’Avv. Furnari possa rivolgersi all’autorità giudiziaria per tutelare la sua immagine in quanto lesa perchè l’articolo e poi il successivo possono indurre in errore il lettore facendogli capire ben altro?

    • Biancavilla Oggi

      25 Ottobre 2016 at 20:52

      Apprezziamo la sua appassionata arringa. Ma non ce n’era bisogno. Ci siamo limitati a dare la notizia nuda e cruda della condanna della Corte dei conti (nessuno ha parlato di condanna penale) a 37 ex consiglieri provinciali e, siccome il nostro giornale si occupa di Biancavilla, abbiamo focalizzato la nostra attenzione sul biancavillese Giuseppe Furnari. Non abbiamo espresso commenti, ma fornito tutti gli elementi di informazione contenuti nella sentenza. Invece la reazione dell’esponente Pd ha trasbordato, insultando l’autore dell’articolo, solo per avere fatto il suo dovere di cronista. Ecco perché è stato necessario e doveroso questo editoriale. Deve essere chiaro a tutti che nessuno può permettersi di insultare, visto che noi non lo abbiamo mai fatto con nessuno. Legga il profilo Facebook di Furnari e capirà: è evidente che lei non l’abbia letto. Minacciare querele solo perché si pubblica una notizia vera, verificata e verificabile, è un modo per tentare di intimidire la libertà di stampa. Ovviamente è un tentativo che su “Biancavilla Oggi” non ha alcun effetto.

      • Francesco

        26 Ottobre 2016 at 9:53

        Non leggo i profili altrui e non mi interssa farlo, ma non crede che anche Lei vuole limitare la libertà di espressione delle persone non accendo alcuna critica? Il politico, il professionista, il cittadino Furnari, ha non ho ha la libertà ed il diritto di esprimere il suo, naturalmente assumendosi le proprie responsabilità. Penso che Lei abbia esagerato con il Suo editoriale non dando nessuna facoltà di replica. Comunque da lettore penso che l’Avv. Furnari non è quel mostro di persona, di professionista e di politico, che Lei fa trasparire dai suo articoli. Anzi, persona da sempre impegnata sul sociale, anche in tempi come oggi, con le proprie forze e senza alcun aiuto di istituzioni pubbliche e private, gestisce una squadra di calcio in Eccellenza (per i non addetti ai lavori è la serie A di ogni regione. La categoria superiore è già professionismo) e pen 4 squadre nel settore giovanile, impegnando decine e decine di ragazzi di Biancavilla e del comprensorio allo sport e non alla strada. La ringrazio per la replica concessa

        • Biancavilla Oggi

          26 Ottobre 2016 at 12:27

          Se non conosce ciò che ha scritto Furnari nei nostri confronti, non può comprendere le reazioni successive. La sua è una difesa “a prescindere”… Inutile discutere. Saluti cordiali.

        • Carlo

          26 Ottobre 2016 at 13:20

          ma il sociale dove sta nell’essere presidente di una squadra di calcio?Non è che possiede la comunità di don Mazzi, non sta levando nessuno dalla strada, paga solo dei ragazzi per giocare al pallone, nella speranza che questo gli sia utile come raccolta voti per una futura candidatura.Il sociale è ben altra cosa. Il campionato di eccellenza, comunque è pur sempre un campionato dilettantistico di poco conto, e comunque anche se fosse stato di grande importanza, non possiamo certo compensare il buon andamento di una squadretta di calcio con i soldi della collettività. che sia chiaro Del calcio non frega a nessuno!!!

    • Fabrizio

      25 Ottobre 2016 at 20:56

      Egregio signore lo abbiamo capito che è una condanna della Corte dei conti, abbiamo studiato anche noi e abbiamo letto chiaramente ciò che è stato riportato nell’articolo. Ma le sembra una cosa da niente? Se lei la vuole far passare come una multa per eccesso di velocità… Invece resta la gravità della sentenza sia sul piano istituzionale che sul piano etico. Scusi se è poco.

    • pippo

      27 Ottobre 2016 at 14:41

      Sign. francesco, mi sembra che lei non conosce molte cose.. Non è vero che tutti i consiglieri provinciali sono stati condannati, ci sono stati anche consiglieri che hanno agito secondo legalità a cui la corte dei conti non ha chiesto indietro nulla. La vostra difesa di ufficio risulta oltre che faziosa anche errata e inesatta.

  7. giulio

    24 Ottobre 2016 at 15:22

    Ma che storie!!!!…,….uno che ci spiega come e’ fantastico il Biancavilla calcio ma che si innervosisce perché una sentenza ci spiega come da rappresentante delle istituzioni ha speso i soldi pubblici…………..mi pare proprio il personaggio giusto per fare il sindaco al prossimo giro in un paese come il vostro……………evvaiiii!!!!

  8. giuseppe chisari

    24 Ottobre 2016 at 12:26

    Non conosco il sig. Furnari. .Apprendo in questa occasione che ha la querela facile. Auguri perché si dovrà esercitare a lungo.

  9. salvo maglia

    23 Ottobre 2016 at 23:27

    Quando sono indagati, dicono che la magistratura deve fare il suo corso. Quando sono rinviati a giudizio, invocano la presunzione di innocenza. Quando sono condannati, la colpa è della stampa che dà la notizia. Sono semplicemente ridicoli. Mai nessuno che si assuma la responsabilità. Giuseppe Furnari ha sbagliato e continui a sbagliare, assumi un altro profilo, magari sarai ascoltato dalla gente. Così facendo mostri tutta la tua debolezza e irritazione. Solidarietà a Biancavilla Oggi, che ha fatto solo il suo dovere. L’informazione seria e professionale non può essere additata per quella che infanga una città Sono altri che deturpano l’immagine di Biancavilla.

  10. Franca

    23 Ottobre 2016 at 23:22

    Faccio notare che per altra vicenda anche il dott. Pippo Calaciura è stato condannato, ma la reazione di compostezza che ha avuto nell’apprendere la sentenza è esemplare. Invece Giuseppe Furnari ha avuto una reazione scomposta, nervosa e berlusconiana (colpa della stampa). Due persone diverse e lo si vede anche dalle diverse reazioni.

  11. Fabrizio

    23 Ottobre 2016 at 23:18

    Un grande plauso va a Biancavilla Oggi, l’unica voce fuori dal coro. Il resto è una stampa asservita. Continuate così, vi seguo ogni giorno.

  12. Maria

    23 Ottobre 2016 at 18:09

    questo soggetto non ha capito ancora che infangare lui non equivale a infangare Biancavilla, lui non rappresenta Biancavila, nè Biancavilla rappresenta lui…soprattutto dopo questa vicenda. Semmai potrebbe essere vero il contrario, che la sua vicenda ha infangato Biancavilla, qualcuno ha parlato di servi…ma perchè i padroni sarebbero loro?padroni di cosa? che ridere…

  13. franco

    23 Ottobre 2016 at 17:30

    I cittadini tutti attendono con ansia che venga a chiedere il loro voto a tempo di elezioni….moralità legalità trasparenza ed efficienza…assurdo come un avvocato che dovrebbe conoscere le leggi sia il primo a violarle, con il denaro pubblico di quegli stessi cittadini che l’hanno votato. Questo articolo meriterebbe la diffusione cartacea per il paese, per aprire gli occhi a un po’ di gente

  14. Salvatore

    23 Ottobre 2016 at 17:14

    Sbaglio o questo Furnari prima era in Rifondazione Comunista? Penso che il suo passaggio al Pd è stato un atto di coerenza. Complimentissimi.

  15. Onestà al potere

    23 Ottobre 2016 at 17:12

    Siete grandi ragazzi, vi meritate un monumento per il vostro coraggio. Continuate così. Distinguetevi dalla massa e dall’informazione al servizio del potente pagata con i soldi dei cittadini. Siete unici. Se qualcuno vi tocca con un dito, chiamatemi, faremo le barricate per difendere il nostro diritto di avere una informazione non pilotata come vorrebbero i politicanti.

  16. Alfredo Nicotra

    23 Ottobre 2016 at 17:09

    Stima e solidarietà incondizionata a Biancavilla Oggi, unica testata slegata da interessi politici e da incarichi amministrativi. Furnari è un condannato e questo nessuno lo può cancellare. Pretendeva forse che non bisognava dare notizia? Ridicolo. Stia zitto, almeno. Ci fa ccniu cumpassa.

  17. Marco

    23 Ottobre 2016 at 16:04

    La verità sempre e ad ogni costo, Complimenti. Non si può nascondere un grave reato o una malefatta con un risultato calcistico positivo di cui non frega nulla a nessuno.Di fronte all’evidenza certa gente dovrebbe tacere ed andare a nascondersi ed invece ha il coraggio di parlare peggiorando ulteriormente la propria posizione già sommersa dal fango. ottimo articolo…complimenti

    • gaetano

      23 Ottobre 2016 at 18:11

      Complimenti al giornalista per la sua straordinaria capacita professionale di raccontare i fatti con precisione e puntualità, minacciare querele è tipico dei politi senza alcuna spina dorsale che vogliono una stampa lacchè e a servizio, sempre pronta a elogiare e a incensare……se poi provi a raccontare i fatti e a limitarti a descrivere le sentenze diventi il nemico da aggredire da isolare da sbeffeggiare. Questo signore vuol fare il sindaco? mi pare sulla buona strada, ha già comprato una squadra di calcio, ora deve solo comprare una rete tv, piazzare qualche giornalista amico e il gioco è fatto, ha imparato in fretta…..,ma noi resteremo da parte di chi ancora racconta la verità e i fatti senza alcun timore………

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Editoriali

Visite e clic record per “Biancavilla Oggi”: autorevole presidio contro le fake news

Nel mese dell’emergenza “Coronavirus”, registriamo +207% di traffico: un riconoscimento che ci onora

Pubblicato

il

EDITORIALE

Di fronte al flusso massiccio di informazioni, che inonda il web e i social e tracima da uno smartphone all’altro, spesso fatto di falsità e manipolazioni, c’è il bisogno di notizie certe e delle quali fidarsi. Le uniche a garantirle sono le testate giornalistiche, che svolgono un lavoro di ricerca, acquisizione, verifica e pubblicazione, a beneficio dei lettori. È così che si spiega il boom di traffico che in questo mese di emergenza “Coronavirus” ha interessato i giornali online, da quelli nazionali a quelli locali.

Anche Biancavilla Oggi ha fortemente risentito di questo trend, facendo registrare risultati straordinari e riuscendo a superare i record precedenti: è la prova del peso di autorevolezza e riconoscimento della serietà professionale attribuiti dai nostri lettori, che vedono in queste pagine un riferimento irrinunciabile per usufruire di una informazione corretta, accurata e puntuale.

La nostra informazione, convertita quasi esclusivamente agli aggiornamenti continui su ogni aspetto “biancavillese” legato all’epidemia, ha avuto un gradimento eccezionale, consentendo di chiudere il mese di marzo con il più alto picco di visite sul sito: mai così alto dal 2014 (anno in cui siamo andati online), secondo i dati di Google Analytics. Un numero su tutti: +207% di traffico di utenti, cioè tre volte tanto rispetto alla media. Un record assoluto: +42% se confrontato a quello precedente (risalente all’ottobre 2018, mese in cui abbiamo raccontato il dramma e la paura del terremoto).

Anche i dati quotidiani si sono mantenuti per tutto marzo ben al di sopra della media. In particolare, il giorno in cui abbiamo pubblicato la notizia del primo caso accertato di contagio da Covid-19, Biancavilla Oggi ha raggiunto il record assoluto giornaliero in oltre cinque anni di esistenza del nostro giornale: +57% sul precedente (risalente al 12 febbraio 2019, quando carabinieri e polizia hanno assestato un altro duro colpo antimafia con il blitz “Città blindata”). Nell’arco di 24 ore si sono riversati sul nostro sito gli stessi utenti che, normalmente, si hanno in un’intera settimana.

Un trend che viene confermato anche dai dati relativi alla nostra pagina Facebook con una copertura dei post pubblicati che, a marzo, è balzata ad un +69% rispetto a febbraio.

Il Coronavirus, quindi, “batte” persino la cronaca nera e giudiziaria, da sempre sezioni cliccatissime sul nostro giornale. Ma c’è un’emergenza sanitaria globale senza precedenti: alimenta ogni giorno l’esigenza di conoscere, sapere ed essere informati, mentre si è chiusi in casa. Lo abbiamo fatto con senso di responsabilità, vivisezionando e verificando ossessivamente ogni voce ed ogni informazione, prima di diffonderla online. È quello che continueremo a fare, forti della vostra fiducia.     

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere...

Editoriali

Lo schiaffo più doloroso, Bonanno fotocopia di Glorioso (con l’opposizione indifferente)

Il processo sulle aggressioni all’avv. Pilar Castiglia e all’attivista Lav Angelica Petrina: il Comune non sarà parte civile

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

EDITORIALE

C’è un filo rosso di vergogna che lega l’attuale amministrazione comunale a quella precedente. Non c’è alcuna differenza di azioni e posizioni tra Antonio Bonanno e Giuseppe Glorioso, tra gli schieramenti di ora e quelli dell’altro ieri. Tutti vigliaccamente silenziosi, schierati dalla parte sbagliata. Adesso è ufficiale: il Comune di Biancavilla non figurerà tra le parti civili del processo a carico di 18 imputati che, a vario titolo, sono coinvolti nei fatti della “fiera abusiva del bestiame” dell’ottobre 2016, quando due donne, l’avv. Pilar Castiglia e l’attivista Lav Angelica Petrina, vennero brutalmente aggredite, minacciate e rapinate.

Petrina aveva avuto la “colpa” di denunciare l’illegalità sconcertante: cosa che ogni anno, con gli occhi chiusi di amministratori comunali e forze dell’ordine, si presentava con una fiera abusiva, in pieno centro e in pieno giorno. L’avv. Castiglia aveva avuto il “torto” di chiedere aiuto e soccorrere la volontaria animalista, accerchiata da allevatori ed espositori improvvisati. Negli stessi momenti, un carabiniere, il maresciallo Guido Costigliola, era stato ferito a sangue alla testa (c’è un processo a parte), dopo essere intervenuto con un collega, supplendo i vigili urbani, assenti nonostante le ripetute richieste di aiuto.

Ebbene, per quei fatti, Biancavilla è saltata alle cronache come un paese da Far West, un paese di buzzurri e cafoni. D’altra parte, le immagini video che documentano quei momenti concitati (pubblicate in esclusiva da Biancavilla Oggi e finite nel fascicolo d’inchiesta) mostrano un vero e proprio festival dell’inciviltà e dell’illegalità con pezzi dell’autorità comunale, timidi e intimiditi.

Il danno di immagine che quegli eventi hanno procurato a Biancavilla è stato incalcolabile. Eppure, Glorioso non ha adottato alcuna delibera perché il Comune si costituisse parte civile nel processo e difendere così l’onore della città, oltre che per vicinanza alle persone aggredite. Avendo scelto, tutti gli imputati, il rito ordinario, i tempi si sono allungati e quindi Bonanno (che nel frattempo ha preso il posto di Glorioso) ha avuto la possibilità di riparare la gravissima indifferenza del suo predecessore, adottando lui, a tutela di Biancavilla, la delibera per nominare un legale in rappresentanza del Comune al processo. Non lo ha fatto. Una vergogna. Una macchia sul suo governo cittadino e sulla sua credibilità.

Gli annali della storia politica locale ricorderanno l’accoppiata Bonanno-Glorioso in questa scandalosa vicenda per avere fatto calare una cappa oscura sul senso comune che si ha della civiltà e della legalità. I rappresentanti istituzionali locali non siederanno a fianco alle due donne, vittime di quelle barbare aggressioni. Con quale faccia potranno intervenire nei dibattiti sulla violenza di genere, se la brutalità subita da Castiglia e Petrina (30 giorni di prognosi) non ha avuto alcuna loro considerazione?

È una spudoratezza. Indecente il silenzio, prima di Glorioso (che abbiamo contestato) ed ora di Bonanno (che qui contestiamo con maggiore vigore, essendosi proposto in discontinuità rispetto al passato): due sindaci che avrebbero dovuto urlare giustizia e tutelare l’immagine di Biancavilla, a nome di tutti i biancavillesi onesti. Invece non hanno avuto nemmeno il coraggio di motivare le proprie scelte.

Ma non sono i soli a dovere arrossire. C’è il mutismo assoluto dei consiglieri comunali, di maggioranza e, ancora più grave, di opposizione (“grillini” in primis, che avrebbero dovuto rappresentare il “nuovo”). Opposizione che, in un paese normale e se fosse all’altezza del ruolo, avrebbe dovuto portare all’angolo l’amministrazione comunale con una semplice mozione ed impegnarla a costituirsi al processo. Ma si sa, questi sono “argomenti delicati”, meglio farsela alla larga. Come hanno fatto pure “assessoresse” e consigliere: silenziose e indifferenti, altro che solidarietà femminile. Avrebbero potuto dare, in senso trasversale, una lezione di stile, di autonomia, di rigore: battere i pugni sul tavolo per non restare impassibili davanti ai pugni (quelli veri) scagliati sulle facce di Castiglia e Petrina, nella bolgia di via della Montagna. Un’occasione persa. Ma adesso ci sarà l’8 marzo: tutti in prima fila, un sorriso alla telecamera e via alla recita dell’ipocrisia.   

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere...
Advertisement

Nero su Bianco Edizioni

UNA VITA ANCORA PIU' BELLA Memorie di un sopravvissuto. Lettere e riflessioni inedite di Gerardo Sangiorgio, il biancavillese deportato nei lager nazisti per avere detto "no" alla Repubblica di Salò. La sua è la vicenda di un "Internato Militare Italiano" raccontata nel nuovo libro di "Nero su Bianco", curato da Salvatore Borzì con prefazione di Francesco Benigno e contributi di Liliana Segre, Massimo Cacciari, Luciano Canfora ed altri esponenti della cultura italiana.

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili