Connettiti con

Video

«Mio padre, Gerardo Sangiorgio, e la sua esperienza disumana nei lager»

Pubblicato

il

«Mio padre decise di non aderire alla Repubblica di Salò, di non essere un collaborazionista dei tedeschi e venne portato sui vagoni piombati, approdando in quell’esperienza disumanizzante dei lager nazisti. Rimase per due anni in campi KZ, cioè quelli che votavano l’eliminazione fisica dell’individuo. Lo etichettavano come badogliano, traditore».

A parlare è Placido Antonio Sangiorgio. Il ricordo, in questo servizio realizzato da Vittorio Fiorenza per il telegiornale dell’emittente siciliana Telecolor, è rivolto al padre Gerardo, classe 1921.

«Mio padre si trovò a vedere alcuni compagni di prigionia che pur di non sottoporsi ad un turno di lavoro preferivano mozzarsi un dito oppure desiderare che il commilitone vomitasse per poter bere quel vomito o ancora brancolare alla ricerca di qualche buccia di patate. O ancora vedere i commilitoni salire su quei treni che portavano nei forni crematori».

Un ricordo commovente, struggente, sulla follia e la barbarie dei lager nazisti, da cui Gerardo ne uscì vivo, ma segnato nell’animo. Si salvò per avere un peso appena superiore ai 40 kg, limite minimo per essere dichiarato abile al lavoro. Sangiorgio verrà liberato nel 1945 dagli americani. Poi, il ritorno a Biancavilla con un «carico di disumana esperienza», che lo accompagnò fino alla morte, avvenuta nel 1993. Un sacrificio, il suo, sempre presente nella sua attività di apprezzato insegnante di materie umanistiche.

«L’esperienza dell’insegnamento di mio padre è stata definita una “cattedra di dolore”: rendeva viva la sua testimonianza di fronte ai suoi alunni, cercando di inculcare loro i valori di libertà, di amore verso Dio e la propria Nazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Video

“Vara” di San Placido in custodia del Comune in attesa della manutenzione

Pubblicato

il

La “vara” di San Placido è in custodia del Comune di Biancavilla, in attesa degli interventi di manutenzione. Caricato su un camion, la monumentale opera lignea ha lasciato così la basilica, per essere trasportata nei locali dell’autoparco comunale, in zona “Martina”.

Di solito, una volta conclusi i festeggiamenti patronali di inizio ottobre, la “vara” veniva custodita nel garage di proprietà della chiesa madre, ad inizio di via Castriota. Ma questa volta ha cambiato direzione.

La “vara”, infatti, ha necessità di essere sottoposta ad interventi di manutenzione e restauro, a cura del Comune, che peraltro è il legale proprietario. Così, in attesa delle processioni del prossimo anno, l’amministrazione comunale ha deciso di prenderla in custodia e preparare le procedure di intervento, resesi urgenti dopo l’incidente verificatosi la sera del 6 ottobre.

Un angelo in legno, posto all’angolo di uno dei lati della “vara”, come si sa, si è staccato, fino a cadere in testa ad uno dei devoti. Per il malcapitato è stato necessario il trasporto al pronto soccorso dell’ospedale di Biancavilla e sottoposto a punti di sutura per medicare la ferita.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

Trending

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili