Connettiti con

Politica

Squadra di assessori e presidenza: manovre su nuova nomenclatura

Pubblicato

il

Previsto per la prossima settimana il varo della nuova Giunta. È ancora in discussione qualche casella assessoriale: ecco le indiscrezioni. Sullo scranno più alto del Consiglio dovrebbe andare Marco Cantarella.

 

di Vittorio Fiorenza

Le manovre per la squadra amministrativa e la presidenza del Consiglio Comunale sono ancora in corso e in questi giorni sono fissati incontri per smussare accordi interni e definire ufficialmente i nomi. Il varo della nuova Giunta guidata da Antonio Bonanno dovrebbe avvenire settimana prossima.

Nello scranno più alto dell’assemblea cittadina dovrebbe andare Marco Cantarella (che già ha alle spalle cinque anni di esperienza consiliare) per conto della lista “Riparti Biancavilla”, riferimento dell’ex sindaco Mario Cantarella.

Le quattro caselle assessoriali, invece, dovrebbero essere occupate, secondo le indicazioni derivanti dalle singole forze politiche che compongono la coalizione (ad eccezione della lista del sindaco, esclusa in questa fase dall’assegnazione delle poltrone).

La quota rosa dovrebbe essere garantita da “Volare Insieme per Biancavilla”, scegliendo come propria rappresentante in Giunta, Daniela Russo, terza dei non eletti nella competizione per l’assemblea cittadina.

Per la lista “Biancavilla che lavora”, l’assessore dovrebbe essere Alfio Stissi, secondo dei non eletti in Consiglio Comunale.

La lista “Biancavilla mi piace” ha indicato quale proprio delegato in Giunta, Giulio Khalil, anche lui secondo dei non eletti della formazione che fa riferimento a Vincenzo Giardina.

Discussione aperta in “Costruiamo il nostro futuro”, anche se uno dei possibili nomi che sta circolando in queste ore è quello di Mario Amato, vecchia conoscenza del Centrodestra biancavillese, che in questa tornata non si è candidato al Consiglio per puntare il proprio sostegno su Salvo Pulvirenti, nome uscito dalle urne come il più votato della lista.

Questo il quadro istituzionale che a giorni dovrebbe essere ufficializzato, salvo qualche rettifica dell’ultimo momento. Si tratta di cariche “a tempo”, secondo una sorta di autogestione interna ad ogni forza politica che sostiene lo schieramento di governo.

Con queste premesse, il cosiddetto “turn over” in seno sia all’Esecutivo che al Consiglio Comunale dovrebbe essere, quindi, nel corso del prossimo quinquennio, una prassi politica ed istituzionale che vedremo attuare con una certa frequenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Mancata trasparenza: non c’è traccia di curriculum e redditi dei nostri politici

Distefano e Spalletta del Pd: «Perché questa omissione ed opacità? Le segnaleremo al prefetto»

Pubblicato

il

© Foto Biancavilla Oggi

Nessuna traccia sul sito del Comune di Biancavilla. Sono passati otto mesi dalle elezioni amministrative che hanno portato al rinnovo degli organi istituzionali. Eppure, contro ogni indicazione di legge, sul web – come appurato da Biancavilla Oggi – non sono riportate le informazioni che riguardano gli amministratori. Informazioni relative al loro curriculum, ad eventuali incarici in altri enti e soprattutto alla loro situazione patrimoniale e reddituale, sia del sindaco e degli assessori che dei consiglieri comunali.

Navigare sul sito del Comune e trovare gli atti non è cosa semplice: pagine difficili da individuare e non sempre intuitive. Certo è che non sono state ancora caricati i dati sui rappresentanti istituzionali.

I loro titoli e percorsi di studi, le loro esperienze lavorative, le loro competenze, i loro patrimoni, i loro modelli 730 o Unico: tutto dovrebbe essere pubblicato online. E magari essere messo in evidenza sulla homepage del sito. Non accade così per il Comune di Biancavilla. Sulle pagine personali del sindaco, degli assessori e di ogni consigliere comunale, al momento, è possibile vedere soltanto i loro indirizzi email o pec. Null’altro. Distrazione? Dimenticanza? Possibile dopo tutto questo tempo dall’insediamento di Giunta e Consiglio Comunale?

Il Pd: «Disatteso un obbligo di legge»

«Sindaco, assessori e consiglieri comunali a distanza di quasi un anno non hanno pubblicato niente», intervengono il presidente e la vice segretraia del Pd di Biancavilla, Alfio Distefano e Ornella Spalletta.

«Perché questa riservatezza, omissione e opacità quando sarebbe più giusto e virtuoso per l’amministrazione rendere palese che non si ha proprio nulla da nascondere?», chiedono i due esponenti del Partito Democratico. «Tutto ciò – specificano – servirebbe anche ai cittadini per conoscere realmente chi li amministra».

Distefano e Spalletta ricordano come la pubblicazione di tali atti e informazioni sia un obbligo di legge e un regolamento comunale del 2013 preveda le modalità di trasparenza.

«Chiediamo – annunciano a Biancavilla Oggi – che tutta l’amministrazione comunale adempia immediatamente agli obblighi di legge ed al regolamento o ci troveranno pronti a segnalare il tutto al prefetto di Catania, in qualità di organo competente chiamato ad eventuali sanzioni amministrative».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti