18112017GOODNEWS:

Mafia, Biancavilla comune caldo
La preoccupazione del prefetto

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page
prefetto-maria-guia-federico

Il prefetto di Catania, Maria Guia Federico

«In questo momento i Comuni che più ci preoccupano sono Paternò, Biancavilla e Palagonia. Malgrado un incessante lavoro delle forze dell’ordine e della magistratura, l’organizzazione permane ma segnalo una diminuzione dei reati in provincia di Catania, in modo particolare di quelli predatori».

Ad annoverare Biancavilla nel trittico di che, tra tutte quelle della provincia di Catania, destano maggiore preoccupazioni e timori sul fronte della criminalità mafiosa è il prefetto Maria Guia Federico.

Lo ha fatto a margine della sua audizione alla Commissione Parlamentare Antimafia a Roma. Diversi gli argomenti affrontati, ma l’avere citato Biancavilla tra i centri sotto i riflettori rappresenta un dettaglio di non poco conto.

Omicidi di mafia, tentate uccisioni, sete di vendetta e ricerca di nuovi spazi di potere criminale hanno caratterizzato le cronache biancavillesi degli ultimi anni. Nonostante le operazioni di carabinieri e polizia, dall’operazione Garden all’operazione Adernò (solo per citare gli ultimi blitz), il centro etneo, assieme a Paternò e Palagonia, non manca di preoccupare.

Il nome di Biancavilla era echeggiato nell’aula della Commissione Parlamentare Antimafia anche nel gennaio 2015, quando fu sentito l’allora procuratore capo Giovanni Salvi, che evidenziò «situazioni di forte tensione, che vanno dall’area di Biancavilla a quella di Paternò».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Zalando Privé

1 COMMENTO PUBBLICATO PER QUESTO ARTICOLO:
Mafia, Biancavilla comune caldo
La preoccupazione del prefetto

  1. francesco ha detto:

    beh dire che i reati predatori sono in diminuzione è troppo ,forse tanti non denunciano tanto ,la sicurezza del territorio e stato tralasciato da qualche mese le forze dell’ordine si sono messe in moto penso che ci voglia un maggiore impegno anche dall’amministrazione non basta fare bla bla bla

LASCIA IL TUO COMMENTO

INVIA IL COMMENTO