Connettiti con

Politica

Progetto per la strada delle Valanghe, D’Asero: «Nel 2015 inizio dei lavori»

Pubblicato

il

strada-valanghe

Il tratto di strada interrotto delle Valanghe, nel punto in cui si è verificata la frana

Si progetta nuovamente la riqualificazione e la messa in sicurezza della Strada Provinciale 50, in provincia di Enna, arteria di collegamento con la provincia di Catania, meglio nota come “Strada delle Valanghe”, percorsa da molti biancavillesi per raggiungere i propri fondi. Il lavori sarebbero già dovuti partire nei mesi scorsi, ma una frana aveva totalmente stravolto la condizione morfologia della strada, la cui base è di natura argillosa, nel tratto Ponte Barca – Scalo Muglia, in territorio di Biancavilla, mandando in fumo di fatto l’intervento atteso da anni e peraltro già finanziato dalla Regione.

L’allora commissario della Provincia di Enna, Salvatore Caccamo, su invito del capogruppo del Nuovo Centrodestra all’Ars, Nino D’Asero, ha però subito  disposto la rielaborazione del piano, salvando così  i fondi stanziati, 500mila euro, che altrimenti sarebbero andati perduti.

nino-d-asero

Il deputato biancavillese, Nino D’Asero

Il progetto sarà pronto entro fine anno, sono stati già  eseguiti i saggi geognostici nel sottosuolo e i lavori, che renderanno meno pericolosa questa arteria viaria,  partiranno il  prossimo anno dopo l’espletamento della gara. A darne notizia è l’ufficio stampa del parlamentare biancavillese.

L’iter sin dal 2008 è stato seguito all’Ars, sia in Aula che in commissione Bilancio, da D’Asero. «Si tratta di un segnale importate che arriva dalla Provincia di Enna – commenta il parlamentare – che ha fatto sì che il finanziamento non andasse perduto e che l’opera venisse realizzata. Prova tangibile di  come con l’impegno e la collaborazione tra vari enti sia possibile risolvere problemi anche annosi e che, in questo caso, riguardano l’incolumità degli automobilisti».

«Quella conosciuta come “strada della valanghe”, è stata infatti in passato teatro di gravi incidenti  – spiega D’Asero – e viene quotidianamente percorsa da migliaia di veicoli, per questo i lavori rappresentano una urgenza che non può più essere prorogata. Continuerò a seguire l’iter – dichiara il deputato del Ncd – affinché i lavori pensati anni fa,  potranno finalmente essere realizzati e costituire quindi concretamente un risultato per tutti gli abitanti del territorio, primi fra tutti di Biancavilla, ma anche di Adrano, Paternò e Santa Maria di Licodia che transitano su questa strada per collegarsi alla provincia di Enna e  anche all’autostrada».

Pubblicità
Fai clic per commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Addio alla plastica, in tre scuole di Biancavilla erogatori d’acqua ecologici

Agli alunni consegnati pure borracce per eliminare quintali di bottiglie altamente inquinanti

Pubblicato

il

Nell’ambito del progetto denominato “L’acqua che fa a scuola”, finalizzato a ridurre il consumo di bottiglie di plastica, in tre scuole di Biancavilla sono stati inaugurati oggi altrettanti distributori di acqua. L’iniziativa è della società S.T.E.I. – Soluzioni e Tecnologie per l’Ecocompatibilità ed Inclusione – in collaborazione con l’amministrazione comunale.

I tre erogatori sono stati installati nell’Istituto comprensivo “Antonio Bruno”, nel plesso “San Giovanni Bosco” e nella scuola “Giovanni Verga”. Ai ragazzi è stata consegnata una borraccia che, d’ora in poi, prenderà il posto delle inquinanti bottigliette di plastica.

All’inaugurazione hanno partecipato il sindaco Antonio Bonanno, l’assessore alla Pubblica Istruzione, Luigi D’Asero, il presidente del Consiglio Comunale, Martina Salvà, il presidente della S.T.E.I., Pier Casolari, e il responsabile del progetto S.T.E.I., Giuseppe Lazzaro.

Erogatori e borracce sono stati finanziati grazie al contributo di aziende locali che hanno accolto con entusiasmo l’iniziativa nel segno dell’ecologia. I rappresentanti delle aziende sponsor, presenti all’inaugurazione, hanno ricevuto i ringraziamenti dai promotori dell’iniziativa.

«Una classe – osserva l’assessore D’Asero – può consumare in un anno circa 700 kg di plastica soltanto per dissetarsi e ricorrere alle classiche bottigliette. Educare i giovani studenti ad un utilizzo ecosostenibile delle nostre risorse è il primo passo verso un approccio ecologico della nostra vita, a partire dalle cose più semplici come bere un po’ d’acqua».  

«L’acqua a portata di mano – spiega il sindaco Bonanno – è una soluzione non solo sul piano economico ma, soprattutto, su quello ambientale. In un anno ogni bambino consuma centinaia di bottiglie in Pet. Con la propria borraccia riutilizzabile e grazie al distributore di acqua microfiltrata si riduce sensibilmente il consumo di plastica. E bere torna ad essere un gesto naturale non più inquinante».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili