Connettiti con

Politica

L’opposizione: «Monumento ai Caduti da spostare altrove per preservarlo»

Pubblicato

il

È stata presentata, da parte dei consiglieri comunali di opposizione, una mozione sul riposizionamento del monumento ai Caduti ed il potenziamento del decoro urbano e dell’ordine pubblico.

Lo stato di incuria dei marmi con i nomi dei biancavillesi morti durante la Grande guerra è stato denunciato recentemente da Biancavilla Oggi.

LEGGI L’ARTICOLO

Gli “incivili del sabato sera” anche contro il monumento ai Caduti

L’obbiettivo dell’atto consiliare è valorizzarlo, spostandolo «in un luogo più adatto alla sua importanza e rilevanza storica, evitando così –viene sottolineato– i continui imbrattamenti che si protraggono già da diverso tempo».

«Il contesto urbanistico in cui è collocato attualmente il monumento è cambiato, poiché, piazza Annunziata –specifica il consigliere Dino Caporlingua– è divenuta centro della movida, di divertimento e di socializzazione dei nostri giovani, ciò provoca inevitabilmente che il monumento venga sporcato ed imbrattato, ritengo quindi opportuno che venga riposizionato in modo da preservarlo e valorizzarlo maggiormente».

Allo stesso tempo si chiede di installare presso Piazza Annunziata panchine e cestini per la raccolta differenziata al fine di incrementare il decoro urbano ed attuare maggiori controlli per garantire l’ordine pubblico.

Symmachia: «Giù le mani dalla nostra storia»

«Lo storico Monumento dei Caduti di Biancavilla non si tocca: giù le mani dalla nostra storia e dalle nostre piazze. È assurdo che, nel 2017, venga proposto lo spostamento di un monumento che ha sempre caratterizzato piazza Annunziata ed è ancora più incredibile che simili proposte strampalate provengano da esponenti politici e da consiglieri comunali che, invece, dovrebbero chiedere interventi di valorizzazione, laddove i monumenti si trovano, a maggior ragione se frequentati dai più giovani”.

È la dura presa di posizione dell’Associazione Culturale Symmachia di Adrano e Biancavilla che condanna con fermezza la mozione presentata dal Centrodestra.

«Non c’è alcuna motivazione seria e plausibile per spostare oggi un monumento collocato nel 1932 per ricordare le vittime delle guerre – spiega l’Associazione Symmachia – anzi, la collocazione in una piazza centrale e frequentata da giovani dovrebbe servire a tenere alto il ricordo di uomini biancavillesi che hanno dato la vita per l’Italia».

L’associazione fa appello al Consiglio Comunale affinché bocci la mozione, quando arriverà ai voti.

«Il Monumento dei Caduti è un bene di tutti e della nostra memoria che non va offesa ma preservata con interventi di manutenzione, con il controllo e la repressione di atti vandalici, con azioni di decoro della piazza dove, proprio pochi mesi fa, sono stati avvelenati persino alcuni alberi. Il problema, quindi, non è del Monumento ma di educazione ai beni pubblici, anche perché non stiamo parlando di un pacco da collocare altrove: come dire, spostiamo l’Altare della Patria perché c’è troppa gente… Le piazze non devono essere stravolte ad uso e consumo dei tempi e delle mode, a meno che, con questa scusa, non si voglia togliere un ostacolo allo spazio della piazza a vantaggio di chissà chi. Noi non ci crediamo e siamo convinti che i Consiglieri comunali torneranno sui loro passi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Pubblicità
5 Commenti

5 Commenti

  1. Giuseppe Cantarella

    30 Novembre 2017 at 16:03

    Si deve preservare la civiltà, spostiamo l’opposizione.

  2. alfio Pelleriti

    23 Novembre 2017 at 8:16

    I nostri nonni sul Piave di fronte al nemico fecero baluardo con coraggio e onore immolando la loro vita per consentire la vittoria finale. E’ doveroso rispettare la loro memoria qui a Biancavilla non arretrando di fronte ai nuovi barbari. Occorrerebbe magari che chi usufruisce della pubblica piazza per il suo personale interesse economico risponda poi dei danni causati alla piazza medesima. In caso contrario potrebbe essere il locale ad andare ad intrattenere i giovani altrove piuttosto che spostare il monumento ai caduti della Grande Guerra.
    Quei giovani che morirono per un’Italia libera meritano rispetto.

  3. Maria Agata

    22 Novembre 2017 at 21:06

    MONUMENTO SIGNIFICA RICORDO (o meglio, “che deve essere ricordato”).
    Il monumento ai caduti invece è un monumento dimenticato.
    Non ricordo che mi abbiano mai portato con la scuola a rendervi omaggio.
    Gli imbrattamenti sono manifestazione di ignoranza (di cosa sia il monumento) e di sfregio ( nei confronti appunto dei caduti); ma questa proposta é manifestazione del fatto che “va bene così”. ED È PIÙ GRAVE DELLO STESSO IMBRATTAMENTO.
    Anziché educare i cittadini al rispetto delle cose e delle persone e magari anche alla storia, si preferisce lasciare ancora più spazio (fisico e mentale) a questa mentalitá.

  4. Pippo

    22 Novembre 2017 at 18:19

    È il consigliere caporlingua dove penserebbe di metterlo il monumento?

  5. antonio

    22 Novembre 2017 at 18:13

    ma non basterebbe mettere una inferriata a ridosso del gradino più basso, tutta intorno che impedisca alla gente di sedersi nei gradini? Ora il Comune ha pure i soldi per spostare i monumenti? credo che si potrebbero fare proposte più concreto o utili (parere personale)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Politica

Addio alla plastica, in tre scuole di Biancavilla erogatori d’acqua ecologici

Agli alunni consegnati pure borracce per eliminare quintali di bottiglie altamente inquinanti

Pubblicato

il

Nell’ambito del progetto denominato “L’acqua che fa a scuola”, finalizzato a ridurre il consumo di bottiglie di plastica, in tre scuole di Biancavilla sono stati inaugurati oggi altrettanti distributori di acqua. L’iniziativa è della società S.T.E.I. – Soluzioni e Tecnologie per l’Ecocompatibilità ed Inclusione – in collaborazione con l’amministrazione comunale.

I tre erogatori sono stati installati nell’Istituto comprensivo “Antonio Bruno”, nel plesso “San Giovanni Bosco” e nella scuola “Giovanni Verga”. Ai ragazzi è stata consegnata una borraccia che, d’ora in poi, prenderà il posto delle inquinanti bottigliette di plastica.

All’inaugurazione hanno partecipato il sindaco Antonio Bonanno, l’assessore alla Pubblica Istruzione, Luigi D’Asero, il presidente del Consiglio Comunale, Martina Salvà, il presidente della S.T.E.I., Pier Casolari, e il responsabile del progetto S.T.E.I., Giuseppe Lazzaro.

Erogatori e borracce sono stati finanziati grazie al contributo di aziende locali che hanno accolto con entusiasmo l’iniziativa nel segno dell’ecologia. I rappresentanti delle aziende sponsor, presenti all’inaugurazione, hanno ricevuto i ringraziamenti dai promotori dell’iniziativa.

«Una classe – osserva l’assessore D’Asero – può consumare in un anno circa 700 kg di plastica soltanto per dissetarsi e ricorrere alle classiche bottigliette. Educare i giovani studenti ad un utilizzo ecosostenibile delle nostre risorse è il primo passo verso un approccio ecologico della nostra vita, a partire dalle cose più semplici come bere un po’ d’acqua».  

«L’acqua a portata di mano – spiega il sindaco Bonanno – è una soluzione non solo sul piano economico ma, soprattutto, su quello ambientale. In un anno ogni bambino consuma centinaia di bottiglie in Pet. Con la propria borraccia riutilizzabile e grazie al distributore di acqua microfiltrata si riduce sensibilmente il consumo di plastica. E bere torna ad essere un gesto naturale non più inquinante».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

I più letti

Nel rispetto dei lettori e a garanzia della propria indipendenza, questa testata giornalistica non chiede e rifiuta finanziamenti, contributi, sponsorizzazioni, patrocini onerosi da parte del Comune di Biancavilla, di forze politiche e soggetti locali con ruoli di rappresentanza istituzionale o ad essi riconducibili