23102018GOODNEWS:

I profughi albanesi e le nostre origini: una spettacolare rievocazione storica

di Vittorio Fiorenza

L’arrivo dei profughi albanesi guidati da Cesare Masi nella contrada di Callicari, la leggenda legata all’Icona della Madonna dell’Elemosina, la concessione dei “Privilegi” da parte dei Moncada.

Le origini di Biancavilla, alla fine del 1400, verranno rappresentante attraverso un corteo formato da un centinaio di figuranti in costumi dell’epoca, che partirà da Villa delle Favare e si concluderà in basilica. Ci saranno anche personaggi a cavallo, sbandieratori e banda musicale. Una sessantina di figuranti sono biancavillesi (metà dei quali provenienti dall’Accademia Universitaria Biancavillese), ma altri si aggiungeranno da altri gruppi provenienti da altri paesi.

L’iniziativa culturale, approvato e parzialmente finanziato dall’assessorato regionale al Turismo, sarà proposta il 29 settembre, dalle ore 18 alle ore 20, grazie all’associazione “Rievocazioni Storiche Arbereshe”, costituitasi recentemente a Biancavilla con l’intento di animare ogni anno una rappresentazione storica legata alla fondazione del paese.

Ne è presidente Graziella Milazzo, affiancata da Pietro Finocchiaro (vice presidente) e Flavia La Cava (segretaria).

Venerdì 17 agosto, in chiesa madre, alla fine della messa delle ore 19, sarà formalmente annunciata l’iniziativa, alla presenza dei rappresentanti istituzionali regionali e comunali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

INVIA IL COMMENTO