19082017IN PRIMO PIANO:

Troppo caldo per ficodindia e olive: prodotti buoni, pezzatura a rischio

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

olive

Timori dei produttori per gli effetti delle alte temperature. E nella zona di Piano Rinazze, ovvero il “quartier generale” dell’agricoltura biancavillese, si spera nella pioggia estiva.

 

di Alessandro Rapisarda

L’afa e le alte temperature fanno boccheggiare anche l’agricoltura. Lo sanno bene i produttori biancavillesi, già in anticipo con la campagna di raccolta delle fichidindia e quasi pronti a quella olivicola.

L’anomala ondata di calore, secondo gli umori raccolti da Biancavilla Oggi, è motivo di discussioni e preoccupazioni a Piano Rinazze, “quartier generale” dell’economia agricola biancavillese in cui si trovano una ventina di aziende e magazzini che danno lavoro, con tutto l’indotto, ad oltre 500 persone.

Proprio a Rinazze si trova il capannone di Domenico Morina, uno dei maggiori commercianti di olive da mensa: «Abbiamo già girato in lungo e in largo, la campagna olivicola sembra essere ottima dal punto di vista della produzione e della qualità, temiamo per la pezzatura, ma siamo fiduciosi che una pioggia estiva possa cambiare in meglio la produzione».

Già, si spera soltanto, a questo punto, in una pioggia estiva. Che non faccia danni, ovviamente, e che possa correggere un ciclo produttivo, quest’anno fortemente condizionato dalla canicola.

La campagna ficodindicola, invece, è già iniziata da qualche settimane. «Anche se ottima dal punto di vista quantitativo e qualitativo dei frutti, fa segnare –spiega uno dei produttori biancavillesi– una pezzatura media diffusa che tende a essere più piccola degli scorsi anni. È da febbraio che non c’è una pioggia rilevante e siamo costretti a irrigare ormai da molti mesi, con elevati costi e molte ore di lavoro, visto che l’ingrossamento dei frutti solo con l’irrigazione è molto difficile».

Ondata di caldo a parte, quello delle ficodindia, come raccontato recentemente da Biancavilla Oggi, è un mercato in crescita. A Biancavilla e nel comprensorio, il balzo è quantificato, rispetto agli anni precedenti, in un +7% e un’esportazione che raggiunge diversi paesi europei.

LEGGI L’ARTICOLO

Ficondindia, balzo del 7% nei mercati: raccolta anticipata per caldo

ficodindia

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page
Pepe Jeans su Zalando Privé

LASCIA IL TUO COMMENTO

INVIA IL COMMENTO