14122017GOODNEWS:

Le “eterne” buste di pipì al mercato
Gli abitanti: «Pronti alla protesta»

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

buste-urine-zona-mercato

di Vittorio Fiorenza

«Siamo disposti a bloccare il mercato perché non è possibile che i venditori lascino le loro “tracce biologiche”». Non ne possono più gli abitanti della zona “mercato” di Biancavilla. Ogni mercoledì, la stessa storia: i venditori, una volta smontate le loro bancarelle, lasciano sgraditissimi “ricordi”: buste piene delle loro urine sui marciapiedi.

Un pessimo spettacolo per i cittadini del quartiere. Un rifiuto “fuori competenza” degli operatori ecologici. Eppure, in tantissime occasioni, i netturbini hanno rimosso le buste per senso di collaborazione e civiltà.

Si tratta di episodi che vanno avanti da oltre un decennio. Di tanto in tanto, vigli urbani e amministrazione comunale fanno la voce grossa, minacciando multe o il ritiro dell’autorizzazione a montare la bancarella. Anche gli operatori ecologici, negli anni, hanno collezionato diversi esposti e segnalazioni protocollati al Comune di Biancavilla ed indirizzate al sindaco e al comando della polizia municipale.

Di fatto, non è cambiato nulla e gli incivili finora l’hanno fatta sempre franca. Ogni mercoledì, buste di pipì lasciate a terra, come documentato con video e foto sia dai cittadini che dai netturbini dell’impresa di raccolta dei rifiuti. A volte, anche buste piene di escrementi.

Da qui, le intenzioni da parte del quartiere di passare ad iniziative clamorose: «Adesso basta, non ne possiamo più, è una situazione indecorosa e intollerabile –lamentano attraverso Biancavilla Oggi– l’amministrazione comunale deve prendere una buona volta dei provvedimenti drastici e rigorosi, non si deve limitare alle promesse, che peraltro non vengono mantenute e, infatti, i venditori continuano a lasciare, indisturbati e con grande strafottenza, le loro porcherie perché sanno che, tanto, non avranno conseguenze».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

INVIA IL COMMENTO