11122017GOODNEWS:

La “profezia” di Josemaría Escrivà nell’incontro con mons. Ricceri

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page
josemaria-escriva-francesco-ricceri

San Josemaria Escrivà e mons. Francesco Ricceri

A Catania, la festa dedicata al fondatore dell’Opus Dei, anche con fedeli biancavillesi e il coro della Chiesa Madre. C’è un aneddoto che lega Escrivà al sacerdote di Biancavilla. Correva l’anno 1948 e nell’albergo Italia…

 

Numerosa partecipazione per la festa dedicata a San Josemaría Escrivà nella cattedrale di Catania con i fedeli e membri dell’Opus Dei, l’opera definita come Prelatura personale della Chiesa Cattolica. La celebrazione è stata presieduta da don Salvatore Amico Roxas, vicario dell’Opus Dei per la Sicilia e la Calabria, recentemente promosso ad altri incarichi a Roma. Presenti anche alcuni fedeli biancavillesi. I canti sono stati curati ed eseguiti per il secondo anno consecutivo dalla Corale Polifonica della Chiesa Madre di Biancavilla, diretta da Filadelfio Grasso.

E c’è un aneddoto che lega Biancavilla a Josemaría Escrivà de Balaguer. Infatti, venendo in Sicilia nel giugno del 1948, il sacerdote spagnolo arrivò a Catania e alloggiò in una camera dell’albergo Italia, di fronte alla Villa Bellini. Stanco del viaggio ed affaticato anche dal diabete, prima di cena giunse a dargli un saluto di benvenuto mons. Francesco Ricceri, sacerdote biancavillese (1903-1980), che si era distinto in Diocesi per la sua opera di soccorso e aiuto umanitario durante la Seconda Guerra Mondiale e che in quel periodo era parroco della chiesa della Madonna della Mercede.

I due si trattennero a lungo in un clima cordiale e allegro. Josemaría Escrivà espose a mons. Ricceri i motivi apostolici della sua visita in Sicilia e questi gli chiese con sincera disponibilità cosa potesse fare di concreto per aiutare l’Opera. La risposta fu tanto singolare quanto “profetica”: «Se Lei rimanesse a Catania, il suo aiuto mi sarebbe molto utile per aprire una Residenza Universitaria – gli disse – ma Lei andrà via da Catania e, dunque, come potrà aiutarmi?».

Mons. Ricceri replicò che non aveva intenzione di allontanarsi da Catania, ma Josemaria Escrivà, guardandolo negli occhi continuò: «Tra qualche anno la faranno Vescovo e dovrà lasciare Catania». La frase, come raccontò egli stesso, venne accolta da mons. Ricceri come una battuta di spirito. Ma alcuni anni dopo, nel 1957, il monsignore di Biancavilla fu davvero nominato Vescovo di Trapani e si ricordò di quelle parole “profetiche” udite una sera di nove anni prima da quel sacerdote spagnolo.

corale-chiesa-madre-festa-josemaria-escriva

Il coro della Chiesa Madre di Biancavilla in Cattedrale a Catania per la festa dedicata al fondatore dell’Opus Dei

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 COMMENTO PUBBLICATO PER QUESTO ARTICOLO:
La “profezia” di Josemaría Escrivà nell’incontro con mons. Ricceri

  1. Enrico R. ha detto:

    MIRACOLO!

LASCIA IL TUO COMMENTO

INVIA IL COMMENTO