29062017IN PRIMO PIANO:

Quei costi aggiuntivi al biglietto Fce, odissea di un viaggiatore pendolare

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

Blog Biancavilla siamo noi

Distributori guasti, punti vendita chiusi. Dove acquistare i biglietti della Fce? Un utente si rivolge a Biancavilla Oggi e riporta il disarmante dialogo avuto con il controllore.

 

-Buongiorno, dopo tre mesi sono qua a rinnovarle il disservizio dei distributori dei biglietti, a “Biancavilla Colombo” e “Biancavilla centro”, se prima non funzionavano adesso sono completamente spenti.

-Scusi, ma il biglietto non può comprarlo in qualsiasi tabaccheria o edicola? O magari, visto che viaggia spesso, comprarlo prima?

-Purtroppo a quell’ora l’edicola era chiusa e il tabaccaio non ne aveva, visto che il distributore dei biglietti non funziona. Io, quindi, sono obbligato a farmi il biglietto dentro la littorina solo “andata” perché “andata/ritorno” non si può fare. E sono i primi 3,60 €. Arrivo al “stazione borgo” e per usufruire della metropolitana ci vuole un altro biglietto, cioè 1 €. Passo la giornata, poi mi dirigo di nuovo al “borgo” per tornare a casa e devo rifare il biglietto per il ritorno: 3,10 € al tabaccaio ovviamente. In totale spendo 7,70 €, quando avrei potuto fare tutto “andata/ritorno + metropolitana” con soli 5 €!!! Totale soldi “rubati” 2,70 € !!! Cosa posso fare?

-L’unica cosa che puoi fare è mandare una mail a info@circumetnea.it perché io, purtroppo, non sono l’ufficio lamentele.

Con tanto di divisa Fce !!!

littorina-fce

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page
Pepe Jeans su Zalando Privé

1 COMMENTO PUBBLICATO PER QUESTO ARTICOLO:
Quei costi aggiuntivi al biglietto Fce, odissea di un viaggiatore pendolare

  1. Roberto scrive:

    Confermo, il distributore automatico della stazione Biancavilla Colombo è sempre fuori servizio. Questa condizione la osservo da anni perché sono un pendolare abbonato, e passo tutti i giorni davanti al distributore automatico del “niente”, un’ingobrante gialla presenza di basso valore estetico.

LASCIA IL TUO COMMENTO

INVIA IL COMMENTO