24112017GOODNEWS:

Biancavilla passata al “setaccio” per droga e codice della strada

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

pattuglie-dei-carabinieri-dopo-gli-omicidi-bivona-e-gioco

Controlli straordinari dei carabinieri in tutto il paese: una decina di persone trovata in possesso di marijuana per uso personale. Diverse infrazioni stradali, migliaia di euro di multe. Blitz anche nelle sale gioco.

 

di Vittorio Fiorenza

Il fiuto dei cani antidroga ha portato i carabinieri all’individuazione di una decina di assuntori. Non soltanto droga. Le violazioni emerse sono state innumerevoli sul fronte del codice stradale.

È stato un controllo straordinario del territorio di Biancavilla che ha mobilitato diversi reparti dei carabinieri della compagnia di Paternò. Oltre ai militari della stazione di via Benedetto Croce, in campo anche i colleghi del battaglione Sicilia e del gruppo cinofili di Nicolosi.

Negli ultimi giorni diversi posti di blocco in tutte le zone del paese, ma anche “blitz” in divese sale gioco. Sono state centinaia le persone sottoposte a verifica, decine i mezzi controllati. A conclusione dell’attività straordinaria, il bilancio è di una decina di persone trovate con dosi di sostanza stupefacente. In particolare marijuana, già confezionata in dosi o ancora da triturare, naturalmente sequestrata. Si tratta di soggetti sorpresi con la droga nella villa comunale o durante i controlli stradali. Per tutti è scattata la segnalazione alla Prefettura di Catania, trattandosi di quantitativi per uso personale. Tra le misure previste vi è la sospensione della patente da tre a nove mesi.

Nel corso dell’attività dei carabinieri sono emerse anche infrazioni al codice della strada: dalla guida senza patente alla mancanza dell’assicurazione del veicolo. Sequestrati diversi mezzi. Elevate multe per svariate migliaia di euro.

I controlli dei militari si sono concentrati anche nelle sale gioco del paese, dove sono stati individuati e identificati soggetti pregiudicati.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Zalando Privé

LASCIA IL TUO COMMENTO

INVIA IL COMMENTO