18112017GOODNEWS:

Nubifragio su Biancavilla, Glorioso chiede stato di calamità naturale

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

pioggia-danni-via-vittorio-emanuele

«Verrà firmata lunedì prossimo dal sindaco di Biancavilla, Giuseppe Glorioso, la richiesta di stato di calamità naturale, dopo il nubifragio che ha causato danni e disagi nel territorio. Biancavilla è stato uno dei Comuni più colpiti, con diversi allagamenti e il cedimento del manto stradale in diversi punti, come accaduto in contrada Scirfi, dove la strada è letteralmente distrutta».

Ne dà notizia l’amministrazione comunale con un comunicato stampa.

In mattinata, il primo cittadino e i tecnici del Dipartimento di Protezione Civile hanno effettuato un sopralluogo per una prima stima dei danni e per la previsione degli interventi di rifacimento della strada. Da qui, la richiesta del sindaco di un apposito finanziamento del Dipartimento, finanziamento.

Glorioso e l’assessore Vincenzo Mignemi hanno coordinato le operazioni di messa in sicurezza dei punti critici con la Protezione civile del Comune, l’Ufficio tecnico comunale e i vigili urbani.

Il Comune si è fatto carico dell’assistenza di un’anziana presso una struttura alberghiera per un’anziana la cui casa si è allagata.

Laddove è saltato l’asfalto si è proceduto, tempestivamente, a coprire le buche per poi approntare i necessari interventi di bitumatura delle strade, quando saranno del tutto asciutte.

strada-scirfi-colpita-dal-maltempo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Zalando Privé

1 COMMENTO PUBBLICATO PER QUESTO ARTICOLO:
Nubifragio su Biancavilla, Glorioso chiede stato di calamità naturale

  1. erika ha detto:

    Avremmo dovuto chiedere lo stato di calamità noi cittadini, quando è stato eletto questo sindaco…se da 10 anni vengono fatti lavori per risolvere questo problema che ad ogni pioggia si ripresenta, evidentemente c’è qualcosa di sbagliato no? ma come si può? E’ piovuto per 20 muniti scarsi, mica per un giorno intero!

LASCIA IL TUO COMMENTO

INVIA IL COMMENTO