24112017GOODNEWS:

Un amore diventato persecuzione, biancavillese a processo per stalking

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

stalking

Rinvio a giudizio per un 31enne accusato dalla sua ex di minacce, molestie e pedinamenti continui. Azioni che, durate un anno, avrebbero turbato la serenità psicofisica della donna al punto da stravolgerle la vita.

 

di Vittorio Fiorenza

Gli sms che le inviava a volte erano pure romantici. Si presentava a lei con dei regali. Lo scopo era quello di riconquistarla e convincerla a riallacciare il rapporto sentimentale. Sono stati dei tentativi, però, ritenuti assillanti e persecutori. Sono andati ben oltre la legittima volontà di salvare una storia di coppia. La morbosità, ad un certo punto, ha prevalso. Ecco perché lei, 23enne di Biancavilla, assistita dall’avv. Pilar Castiglia, ha sporto querela contro il suo ex, 31 anni, anche lui biancavillese.

Il Gip Pietro Antonio Currò del Tribunale di Catania lo ha rinviato a giudizio per atti persecutori e stalking. Dovrà presentarsi davanti alla seconda sezione penale del Tribunale nell’aprile del prossimo anno.

Secondo l’accusa, l’uomo ha avuto una condotta reiterata nei confronti della donna attraverso minacce di morte e molestie con contatti telefonici assillanti, pedinamenti ed appostamenti sotto casa di lei per monitorarne i movimenti e controllarne le frequentazioni. I fatti contestati si riferiscono al periodo che va dall’estate del 2014 al giugno del 2015.

Fatti che, come scrive il giudice, hanno «turbato la serenità psicofisica della donna, al punto da ingenerare perduranti stati d’ansia e di insonnia con l’ulteriore effetto di stravolgerle le abitudini di vita quotidiana, indotta- per paura – a non uscire più da casa da sola, a smettere di guidare l’auto e, indefinitiva, a limitare la propria vita di relazione al fine di scongiurare il peggio».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Zalando Privé

LASCIA IL TUO COMMENTO

INVIA IL COMMENTO