24112017GOODNEWS:

Terza evasione dai domiciliari, l’imprenditore finisce in carcere

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

Alfio Ricceri, titolare di un’azienda ortofrutticola, in manette per l’ennesima violazione della misura restrittiva. A maggio era stato denunciato da un dipendente, che avrebbe subito richieste estortive sull’indennità di disoccupazione agricola.

 

Ancora una volta si è allontanato da casa. Ma dopo la terza evasione dai “domiciliari” nel giro di pochi mesi, i carabinieri lo hanno rinchiuso nel carcere catanese di piazza Lanza.

alfio-ricceri

Alfio Ricceri

Protagonista è l’imprenditore biancavillese Alfio Ricceri, titolare di un’azienda ortofrutticola, arrestato in flagranza di reato lo scorso maggio con l’accusa di estorsione, visto che avrebbe chiesto ad un proprio dipendente un “pizzo” di 300 euro sull’indennità di disoccupazione agricola erogata dall’Inps.

LEGGI L’ARTICOLO

Il pizzo sulla disoccupazione agricola

Adesso, i carabinieri della stazione di Biancavilla, assieme ai colleghi della compagnia d’intervento operativo del Battaglione “Sicilia”, hanno nuovamente arrestato in flagranza l’uomo, 58enne, del luogo, per evasione.

Nella tarda mattina ieri, i militari, durante un servizio di controllo del territorio, hanno sorpreso l’imprenditore mentre si trovava fuori dalla propria abitazione, senza alcun giustificato motivo, in palese violazione dei vincoli restrittivi.

Il 58enne già a maggio e a luglio si era reso responsabile sempre del reato di evasione e sottoposto nuovamente ai domiciliari, ma questa volta per l’arrestato si sono aperte le porte del carcere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Zalando Privé

LASCIA IL TUO COMMENTO

INVIA IL COMMENTO