15122017GOODNEWS:

Alfio Longo ucciso dalla moglie,
la rapina è stata una messinscena

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page
alfio-longo-e-la-moglie-enza-ingrassia

Alfio Longo con la moglie Enza Ingrassia

La donna ha confessato: «Aveva scatti violenti, ero stanca di subire». Clamoroso colpo di scena nelle indagini sull’uccisione del 67enne alle “Vigne”. La pista dei balordi che assaltano la casa a scopo di rapina non ha retto. 

 

di Vittorio Fiorenza

Macché rapina. Nessuna irruzione di balordi. È stata tutta una messinscena. Ad uccidere Alfio Longo, pensionato di 67 anni, nella sua villetta delle Vigne di Biancavilla, sarebbe stata la moglie, Enza Ingrassia, 64 anni.

La donna, pressata dagli investigatori, avrebbe confessato nella notte. Non sono ancora chiari i dettagli e le motivazioni di questo gesto. Ma non ci sarebbero rapinatori, né italiani né stranieri.

Ecco che così si spiegherebbe il dettaglio dei cani che non hanno abbaiato o che i vicini non abbiano sentito nulla, fino al mattino quando la donna ha cominciato ad urlare. Ma, stando alla clamorosa svolta, era soltanto l’inizio di una farsa, che però non ha retto al lungo.

Maggiori dettagli saranno forniti nella mattinata in una conferenza stampa alla Procura di Catania. Attesa per questa mattina all’ospedale “Garibaldi” anche l’autopsia sul corpo della vittima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

INVIA IL COMMENTO