15122017GOODNEWS:

Provoca un incidente e scappa: individuato “pirata” biancavillese

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

carabinieri

Il giovane di 23 anni deve rispondere ora di lesioni colpose e omissione di soccorso. Era a bordo di una Swift, quando ha tamponato un’altra auto in via Aldo Moro a Nicolosi, senza prestare aiuto. Alcuni testimoni, però, hanno preso il numero della targa e i carabinieri lo hanno identificato.

 

Provoca un incidente a Nicolosi, ma fugge via. Il pirata della strada è stato però individuato dai carabinieri. Si tratta di un giovane biancavillese, che ora deve rispondere di lesione colpose e omissioni di controllo.

L’incidente è avvenuto ieri notte, intorno alle 3:45, in Via Aldo Moro a Nicolosi. Il pirata, un 23enne, alla guida di una Suzuki Swift, ha tamponato, presumibilmente a causa della velocità sostenuta, una Lotus Elise condotta da un coetaneo di Aci Catena.

Anziché fermarsi e prestare soccorso alla vittima, il biancavillese è fuggito via. Per fortuna, alcune persone presenti all’impatto, hanno chiamato immediatamente il 112. Sul posto, l’equipaggio di una “gazzella” del Nucleo Radiomobile della Compagnia di Paternò.

Gli operatori del 118 hanno soccorso il malcapitato, applicandogli dei punti di sutura al cuoio capelluto, rimasto lacerato dopo l’incidente, e constatando un lieve trauma cranico non commotivo (7 giorni la prognosi).

I militari, grazie alla preziosa collaborazione dei testimoni, sono riusciti in breve tempo a risalire alla targa dell’auto (intestata ad uno zio del giovane investitore) con conseguente identificazione del 23enne biancavillese, che, raggiunto nella propria abitazione, non ha potuto negare le proprie responsabilità, anche perché i rilievi tecnici svolti dai carabinieri hanno evidenziato sull’auto-pirata le ammaccature corrispondenti a quelle causate al mezzo investito.

Al giovane, oltre al ritiro della patente, sono stati contestati i reati di lesioni colpose e omissione di soccorso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

INVIA IL COMMENTO