25092018GOODNEWS:

La “Festa dell’amicizia” nel ricordo della maestra Clara Zappalà

premio-clara-zappala

Un momento della festa nell’istituto di via Pistoia, che dal 2012 è intitolato a Clara Zappalà

Canti, inni e musica al plesso di scuola materna di via Pistoia per il premio dedicato all’insegnante scomparsa prematuramente nel 2007, il cui ricordo resta indelebile.

 

di Vittorio Fiorenza
foto di Alessandro Zappalà

Una “Festa dell’amicizia”, nel segno dell’altruismo e nel ricordo della «maestra Clara». Al plesso di scuola materna di via Pistoia di Biancavilla, consueto appuntamento con il “Premio Clara Zappalà”, dedicato alla memoria dell’insegnante scomparsa prematuramente nel 2007. Educatrice attenta e sensibile alla promozione sociale e umana dei bambini, l’insegnante ha lasciato un ricordo indelebile nelle colleghe, nei genitori e nei bambini che sono stati suoi alunni.

L’iniziativa in suo ricordo si svolge ogni anno per volere dei familiari. L’incontro, al quale sono stati presenti il marito Salvuccio Furnari, i figli Concetta e Raffaele ed il fratello Antonio, si è svolto in un clima di festa con canti, inni, musica e recitazione. C’è stata anche la partecipazione di gruppi di alunni di scuola elementare e media dell’Istituto comprensivo “Antonio Bruno”, a cui appartiene il plesso di via Pistoia (che dal 2012 è intitolato proprio a Clara Zappalà). Presente il dirigente scolastico Silvio Galeano.

Solidarietà e spirito di servizio verso gli altri: questi i valori che animavano la “maestra Clara”. E proprio su questi valori e sulla loro promozione si basa la finalità del premio voluto dai familiari. Un premio che verrà assegnato autonomamente a classi o singoli alunni su decisione degli insegnanti.

«Anche con iniziative come questa si tiene vive la memoria –ha detto Salvuccio Furnari– e si mettono in risalto, attraverso questo premio, i valori della bontà e della solidarietà».

premio-clara-zappala2

I familiari di Clara Zappalà con insegnanti e dirigente scolastico

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

INVIA IL COMMENTO