16122017GOODNEWS:

Mattarella, biancavillesi fiduciosi «L’occupazione sia la sua priorità»

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

sergio-mattarella

Sondaggio di Biancavilla Oggi sul nuovo Capo dello Stato. “Buon presidente” per il 74% dei biancavillesi. Lavoro, mafia, Sicilia e corruzione: le tematiche più urgenti, secondo il campione, della nuova agenda del Quirinale.

di Vittorio Fiorenza

Appena il 54% del campione dichiara di conoscerlo, ma è la fascia giovanile, quella di età inferiore ai trent’anni, che, in particolare, dice di avere «sentito per la prima volta» il suo nome soltanto in questi giorni. Eppure, il 74% dei biancavillesi selezionati nel nostro “gruppo di rilevazione” si dice «molto fiducioso» che Sergio Mattarella possa essere un «buon rappresentante degli italiani e delle istituzioni» contro il 23% di sfiduciati, secondo cui «non cambierà nulla».

Il neo presidente della Repubblica, il primo siciliano ad occupare la carica più alta dello Stato, ottiene dunque l’impressione positiva dei biancavillesi, che a caldo, appena alcune ore dopo la conclusione del voto dei Grandi Elettori in parlamento, sembrano volergli attribuire una certa fiducia, mista ad un carico di aspettative.

Questo, in sintesi, il quadro che viene fuori da un sondaggio istantaneo effettuato attraverso la rete da Biancavilla Oggi su un campione di 387 biancavillesi, omogeneamente rappresentativi delle diverse fasce d’età. Non una rilevazione scientifica, certo, ma altamente indicativa degli umori della comunità.

«Attenzione per l’occupazione» è, secondo il 58% degli intervistati, la priorità che il nuovo presidente deve seguire. Il 22% si attende una maggiore presenza, nell’agenda del Quirinale, di azioni e iniziative sul fronte dell’Antimafia. Il 9% auspica che Matteralla «non dimentichi le sorti della Sicilia», mentre per il 7% dovrebbe essere una sentinella contro il fenomeno della corruzione nel nostro Paese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

INVIA IL COMMENTO