18112017GOODNEWS:

Raccolta sangue, il cuore generoso e solidale dell’Avis (anche d’estate)

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

di Vittorio Fiorenza

La solidarietà umana non va in ferie. E i donatori di sangue dell’Avis di Biancavilla lo hanno dimostrato con una raccolta di sacche che, tra giugno e settembre, ha dato un notevole contributo. Sono stati in 82, in questo periodo estivo, a sottoporsi al prelievo, un gesto semplice quanto fondamentale per molti malati. Nel solo mese di agosto, le donazioni effettuate grazie all’associazione biancavillese, sono state 22: un numero di tutto rispetto, se si considera che nello stesso mese del 2013 ad avvicinarsi all’autoemoteca erano stati appena 9.

Se si allarga il quadro, però, ci sono degli aspetti “critici” da evidenziare. Dall’inizio dell’anno, le sacche raccolte sono state 193, cioè 4 in meno rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Un calo contenuto, si dirà. Ma secondo i dati dell’Avis Biancavilla, si registra «una diminuzione sensibile delle predonazioni e delle prime donazioni». Questo influisce sulla mancata “sostituzione” di quei donatori, che per ragioni di età o per motivi fisiologici, ogni anno si perdono. Ecco perché a marzo, a giugno e a luglio, le donazioni sono state al di sotto delle 20, cosa che nel 2013 non si era mai verificato.

C’è comunque ancora tempo per aggiustare i “conti della solidarietà”: ottobre è un mese tradizionalmente affollato di donatori. E poi, l’Avis riproporrà una raccolta di sangue tra gli studenti del liceo di “Scienze umane” di via San Placido, dove già lo scorso anno scolastico 11 alunne si sono sottoposte al prelievo.

Quanti vorranno fare altrettanto, l’Avis di Biancavilla ricorda che le prossime donazioni potranno essere effettuate il 19 Ottobre (in piazza Annunziata), il 23 Novembre (accanto alla chiesa “Cristo Re”) e il 21 Dicembre (nella sede dell’associazione di via Garibaldi).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Zalando Privé

LASCIA IL TUO COMMENTO

INVIA IL COMMENTO