18112017GOODNEWS:

Cani randagi, mancano le risorse: «Solo un vigile urbano a disposizione»

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

di Orazio Caruso

La mancanza di fondi sta rendendo difficile il compito degli agenti della polizia municipale di Biancavilla di effettuare la sterilizzazione di cani randagi.

La problematica è stata affrontata nel corso della trasmissione radiofonica “Ditelo a Rgs”, in onda dalle 7.30 sulle frequenze di Radio Giornale Sicilia. L’argomento è stato discusso in trasmissione, dopo la segnalazione fatta alla redazione giornalistica, da un cittadino biancavillese, Kevin Russo.

cani-randagiA dialogare con i conduttori, Giovanni Villino e Max Albegiani, Barbara Caruso, ispettore capo della polizia municipale di Biancavilla, la quale, nel suo intervento ha sottolineato le difficoltà giornaliera che è costretta ad affrontare, data la mancanza di fondi comunali.

«Abbiamo delle grosse difficoltà oggettive nel nostro lavoro -ha esordito l’ispettore Caruso- Ci siamo rivolti all’Asp di nostra competenza, la quale ha tra le sue prerogative la sterilizzazione dei randagi, ma essendo oberata di lavoro, dati i rapporti con tutti i comuni della provincia, in questo mese abbiamo effettuato solo sei sterilizzazioni. Per trovare gli opportuni appoggi abbiamo siglato una convenzione con un “rifugio sanitario” per cani a Zafferana Etnea».

È una struttura in cui il randagio entra, viene curato, sterilizzato e rimesso in libertà: «La legge regionale 15 del 2000- prosegue l’ispettore Caruso- ci consente di rimettere sul territorio i cagnolini, classificati non morsicatori, i quali non costituiscono un pericolo per la pubblica incolumità. Si viene cosi a costituire il cosiddetto “cane di quartiere”, una figura che ancora deve prendere corpo in città».

Inoltre, Barbara Caruso ha evidenziato la crescente difficoltà ad affrontare il problema, essendo la sola unità, nel corpo della locale polizia municipale, ad occuparsi della problematica randagismo: obbligata, in pratica, ad operare con pochissime risorse economiche dinanzi a decine di casi di randagi che circolano liberamente in città.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Zalando Privé

LASCIA IL TUO COMMENTO

INVIA IL COMMENTO