14122017GOODNEWS:

Discariche abusive, al via la pulizia
Sul Comune i costi dell’inciviltà

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Email this to someonePrint this page

di Vittorio Fiorenza

Tre operai impegnati con un autocompattatore e uno spalatore bobcat per bonificare diverse aree di Biancavilla dalle discariche abusive. E’ il costo degli “incivili della spazzatura”, spalmato sui contribuenti biancavillesi. Un costo “extra” perché al di fuori del servizio di raccolta dei rifiuti. Da alcuni giorni è in atto un intervento straordinario di pulizia di zone periferiche.

Per diversi mesi, i cumuli di spazzatura e rifiuti di ogni genere hanno invaso le carreggiate ed ostruito gli ingressi dei fondi agricoli. Lettere e segnalazioni si sono susseguite da parte del gruppo “Rinnoviamo Biancavilla”. Il Movimento Cinque Stelle ha realizzato un video di denuncia sullo scempio ambientale.

Di questi giorni, l’avvio della bonifica, a carico del Comune, affidata alla ditta Dusty. Finora la pulizia ha riguardato la Sp 156, che presentava la situazione più emergenziale. Altre zone ripulite o prossime alla pulizia sono Pulica (dove i rifiuti ostruiscono gli ingressi ai fondi agricoli), Scirfi, Erbe Bianche, Pozzillo e Chiusi Pira.

Già raccolti 90mila kg di rifiuti e trasportati nella discarica di Motta Sant’Anastasia. Un carico indifferenziato, appesantito dalla pioggia di questi giorni, che ha fatto lievitare i costi di conferimento.

«Nonostante gli impegni del Comune –sottolinea Marcello Mazzeo, responsabile dei Servizi ambientali della Fp Cgil– resta il fatto che mancano i controlli del territorio. I costi enormi per lo smaltimento in discarica, se ci fosse stato un efficace presidio, potevano essere risparmiati e le risorse impiegate, per esempio, per le famiglie indigenti. Invece, vengono sottratte alla comunità, nonostante il servizio dei rifiuti funzioni e gli operatori ecologici non abbiano fatto scioperi o assemblee. C’è da rifletterci su».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

INVIA IL COMMENTO